Category Archive Fellation

Byporno nain escort girl nord

Porno nain escort girl nord

porno nain escort girl nord

Staddle, Il Segreto di Lily Staddle: Lily's Secret Livello 11 Ricompensa: Staddle, Il Giardino di Falco Staddle: Falco's Garden Livello 9 Ricompensa: Staddle, Curare la Pazzia di Falco Staddle: Fixing Falco's Folly Livello 11 Ricompensa: Widow's Farmhand Livello 8 Ricompensa: Staddle, Erba Pipa per la Vedova Staddle: Widow Froghorn Pipeweed Livello 8 Ricompensa: Staddle, Qualità e Carattere Staddle: Quality And Character Livello 9 Ricompensa: Farmer's Market Livello 9 Ricompensa: Wanetta The Wedge Livello 9 Ricompensa: Neeker-Friend Livello 9 Ricompensa: Bree, Tesoro di Famiglia Bree: Family Treasures Livello 9 Ricompensa: Bree, Ancora Erba Pipa Bree: Pipe-Weed Delivery Livello 9 Ricompensa: Bree, Negozio di Cure Bree: Healing Stores Livello 9 Ricompensa: Bree, Gli Uomini di Sharkey Bree: Sharkey's Men Livello 12 Ricompensa: Rangers And Rogues Livello 12 Ricompensa: Bree, Il Piano di Sharkey Bree: Sharkey's Plan Livello 14 Ricompensa: Orc-Slayer Livello 14 Ricompensa: Bree, La Valle di Andrath Bree: Missione di Gruppo - Parlate con Saeradan Bree, Rotta l0Alleanza Bree: Broken Alliance Livello 16 Ricompensa: Bree, Ritorno a Barrow-Downs Bree: Bree, Rovine di Cardolan Bree: Ruins Of Cardolan Livello 18 Ricompensa: Bree, Veglia Funebre Bree: Calming The Wake Livello 17 Ricompensa: Purging The Dead Livello 22 Ricompensa: Bree, Sentiero di Caccia Bree: Haunted Alley Livello 10 Ricompensa: Bree, Lost Shade Bree: Shield-Brother Livello 14 Ricompensa: Bree, Bone Man Bree: Bone Man Livello 18 Ricompensa: Bree, Il Nano Bree: Bree, La Spada Nera Bree: Bree, Forgiare una Nuova Spada Bree: Bree, Una Spada per la Vita Bree: Missione di Gruppo - Parlate con Kenton Thistleway Bree, Problemi a Buckland Bree: Trouble In Buckland Livello 10 Ricompensa: Bree, Grossi Problemi Bree: Big Problems Livello 17 Ricompensa: Bree, Il Problema Aumenta Bree: Giant Problems Livello 30 Ricompensa: Bree, La Fattoria di Thomley Bree: Thornley's Farm Livello 14 Ricompensa: Bree, Teste di Cinghiale Bree: Boar Heads Livello 11 Ricompensa: Bear Pelts Livello 11 Ricompensa: Bree, Pelli di Lupo Bree: Wolf-Pelts Livello 14 Ricompensa: Bree, Ricerca per Laila Bree: Bree, Un Passaggio a Laila Bree: Lalia's Safe Passage Livello 16 Ricompensa: Bree, I Figli perduti di Addie Bree: Addie's Missing Sons Livello 16 Ricompensa: Bree, Trovare Mulin Bree: Find Malin Livello 16 Ricompensa: Buckland, Il Racconto del Boscaiolo Buckland: Buckland, Terreno di Caccia Buckland: Haunted Forest Livello 18 Ricompensa: Buckland, La Foresta dei Lupi Buckland: Forest Wolves Livello 12 Ricompensa: Forest Bats Livello 12 Ricompensa: Forest Bears Livello 12 Ricompensa: Forest Spiders Livello 12 Ricompensa: Old Forestry Livello 12 Ricompensa: Missione di Gruppo - Molto difficile con molto nemici fortissimi quindi assicuratevi di avere una Forte Compagnia 1 minstrel, 1 guardian, 1 hunter, 1 captain sono un buon inizio - Parlate con Naerandir fuori dalla Locanda di Prancing Pony a Bree Andare a Ovest Livello 24 Ricompensa: Rousting Ruffians Livello 10 Ricompensa: Needlehole Needlehole Watch Livello 6 Ricompensa: Sharpened Dagger o Tookish Earring.

Missioni di Shire - Michel Delving: Missioni di Lone-Lands - Bree: Missioni di Lone-Lands - Annunlos: Sviluppi Falster's Delivery Livello 15 Ricompensa: Linci Better Blankets Livello 18 Ricompensa: Confidenze Earned Trust Livello 20 Ricompensa: Missioni di Lone-Lands - Ost Garuth: Well-Prepared Livello 26 Ricompensa: Missioni di Lone-Lands - Tornstones: Missione di Gruppo - Parlate con Kekkonen a Tornstones Missioni di North-Down - Trestlebridge: Redenzione Talbot Redeemed Livello 23 Ricompensa: Woodruff Hat o Woodruff Longsword.

Oathbreakers The Oathbreakers Livello 25 Ricompensa: Halbarad Shield o Medliechor. Da notare che per il link video siamo stati costretti a ricorrere a un sito alternativo, dato che su YouTube è stato sottoposto a censura per intervento di qualche imbecille che lo ha ritenuto "inappropriate". Isang umagang maaliwalag O bella ciao, bella ciao, bella ciao ciao ciao Isang umagang maaliwalag ating gaping mapang-api. Ating hanganin itloy ang laban O bella ciao, bella ciao, bella ciao ciao ciao Ating hanganin itloy ang laban ating gaping manu ang kare.

Kung sa paglaban ako'y bumagsak O bella ciao, bella ciao, bella ciao ciao ciao Kung sa paglaban ako'y bumagsak lamputin ma ang kasu ko. Ako'y partisano buong buhay O bella ciao, bella ciao, bella ciao ciao ciao Ako'y partisano buong buhay ang partisano anggang bukay. Ako'y komunista buong buhay O bella ciao, bella ciao, bella ciao ciao ciao Ako'y komunista buong buhay ang komunista anggang bukay. Bella ciao Versione catalana Bella ciao Catalan version La versione catalana da ca.

Catalan version from ca. De bon matí, jo m'he llevat O bella ciao, bella ciao, bella ciao de bon matí, jo m'he llevat i m'he trobat l'invasor. Oh partisà, porta'm amb tu O bella ciao, bella ciao, bella ciao oh partisà, porta'm amb tu perquè aquí m'hi floreixo. I si em moro fent de partisà O bella ciao, bella ciao, bella ciao i si em moro fent de partisà m'hauràs d'enterrar. Cal que m'enterris dalt la muntanya O bella ciao, bella ciao, bella ciao cal que m'enterris dalt la muntanya sota l'ombra d'un bonic arbre.

I la gent que passi O bella ciao, bella ciao, bella ciao i la gent que passi et dirà: Quin arbre més bonic. És la flor del partisà O bella ciao, bella ciao, bella ciao és la flor del partisà mort per la llibertat.

I aquells que passin prop del meu arbre, oh, bella, ciao; bella, ciao; bella, ciao…, i aquells qui passin prop del meu arbre es recordaran de mi. Bella ciao Versione polacca 24a. Bella ciao Polish version Sembra meglio questa la versione partigiana , non c'è il cognome del traduttore ma è cantabile. Pogrzeb mnie w górach, tam hen wysoko, o bella, ciao! Mamma ciao Versione polacca di Anatol Stern 24b. D negli primi anni ottanta. La daterei intorno Bella Ciao Versione svedese Här kan man, om man önskar markera det italienska ursprunget, sjunga "Bella ciao" i stället för "Hej, min vän".

Du som tar väger upp över bergen, Hej min vän, hej min vän, hej min kära vän Du som tar vägen upp över bergen skall säga: För ängens blommor är partisanens, Hej min vän, hej min vän, hej min kära vän För ängens blommor är partisanens han som dog för friheten.

För angens blommor är partisanens han som dog för friheten. Bella ciao Versione bulgara traslitterata 27b. Bella ciao Romanized Bulgarian version. Rojeke xwes bû, sibekî zû bû Çaw bella çaw, bella çaw, bella çaw, çaw çaw çaw Rojeke xwes bû, sibekî zû bû Em li dijminê xwe rast hatin. Lo partîzano, werin min bibin Çaw bella çaw, bella çaw, bella çaw, çaw çaw çaw Lo partîzano, werin min bibin Ji ber ko mirina min nêzîke. Hemû dibêjin ji bo vê gûlê Çaw bella çaw, bella çaw, bella çaw, çaw çaw çaw Ev gula partîzanî Ko bo azadiya me mirîye.

Goiz batean jaiki nintzen Oh, agur eder hori, agur eder hori, agur eder hori, agur, agur! Goiz batean jaiki nintzen eta inbaditzailea topatu nuen Oh partisau, eraman nazazu zurekin Oh, agur eder hori, agur eder hori, agur eder hori, agur, agur! Partisauaren lorea da Oh, agur eder hori, agur eder hori, agur eder hori, agur, agur! Bella ciao Versione croata Non è indicato l'eventuale nome dell'autore.

Si tratta di una versione letterale forse dovuta al postatore stesso. Reproduced from the National Anthems website forum, posted by the user Avtandil.

The author's name, if any, is not stated. It is a word-for-word translation maybe made by the poster himself. Jednoga jutra u samo svitanje, o bella ciao, o bella ciao, bella ciao, bella ciao, ciao, ciao, jednoga jutra u samo svitanje sreli smo svoga neprijatelja. Pod sjenu malenog cvijeta, o bella ciao, o bella ciao, bella ciao, bella ciao, ciao, ciao, pod sjenu malenog cvijeta odnesite me onda na vrh brijega. Adeus Guapa Versione galega [galiziana] Adeus Guapa Galician version La versione in lingua galega galiziana ripresa da gl.

E se eu morro na guerrilla, adeus guapa, adeus guapa, adeus, adeus, adeus e se eu morro na guerrilla, hasme ter que sepultar. However, this is no translation of the partisan song, but of the so-called Riceweeders' Bella Ciao. Avvicinandosi il 25 aprile italiano e portoghese , e anche nello sgradito ricordo del 21 aprile , ho pensato che una versione greca potesse essere un omaggio alle lotte partigiane e per la libertà di tutti i popoli, nella lingua che ha segnato l'inizio della nostra civiltà.

La versione greca di Mavroprovatos 32c. Greek version by Mavroprovatos. Salid mia bella Reto-romanic version "Rumantsch grischun" La versione ci è stata fatta pervenire da un lettore che ha voluto restare anonimo. This version was contributed by a reader who desires his name not to be disclosed.

Jau m'hai dasdà, dasdà in dimaun, salid mia bella, mia bella, salid, salid, Jau m'hai dasdà, dasdà in dimaun ed hai chattà l'inimi. O partigian, ma porta davent, salid mia bella, mia bella, salid, salid, O partigian, ma porta davent perquai che ma sent murir. E sche jau mur sco partigian, salid mia bella, mia bella, salid, salid, E sche jau mur sco partigian Ti stos ma sutterrar.

Ma sutterrar a la muntogna, salid mia bella, mia bella, salid, salid, Ma sutterrar a la muntogna a la sumbriva d'ina bella flur. Tutta la glieud che vegn a passar, salid mia bella, mia bella, salid, salid, Tutta la glieud che vegn a passar Vegn a ma dir, Tge bella flur! Questa è la flur dal partigian, salid mia bella, mia bella, salid, salid, Questa è la flur dal partigian Ch'è mort per la libertad.

Bella ciao Versione finlandese Bella ciao Finnish version. Aamulla varhain kivääriin tartuin Oi, bella ciao, bella ciao, bella ciao, ciao, ciao Aamulla varhain kivääriin tartuin, sen käänsin kohti sortajaa. Aamulla varhain kivääriin tartuin, sen käänsin kohti sortajaa. Käy partisaani nyt rinnalleni Oi bella ciao, bella ciao, bella ciao, ciao, ciao Käy partisaani nyt rinnalleni ja kohtaloni aavistan.

Käy partisaani nyt rinnalleni ja kohtaloni aavistan. Kun surmaluodin, saan taistelussa Oi bella ciao, bella ciao, bella ciao, ciao, ciao Kun surmaluodin, saan taistelussa, toverit minut haudatkaa. Kun surmaluodin, saan taistelussa, toverit minut haudatkaa.

Sen haudan ylle, kauniina jääköön Oi bella ciao, bella ciao, bella ciao, ciao, ciao Sen haudan ylle, kauniina jääköön vuoriston kukka kasvamaan. Sen haudan ylle, kauniina jääköön vuoriston kukka kasvamaan.

Niin, että kansa voi vuoritiellä Oi bella ciao, bella ciao, bella ciao, ciao, ciao Niin, että kansa voi vuoritiellä sen nähdä hiljaa hehkuvan. Niin, että kansa voi vuoritiellä sen nähdä hiljaa hehkuvan. Se kaunis kukka, on partisaanin Oi bella ciao, bella ciao, bella ciao, ciao, ciao Se kaunis kukka, on partisaanin, vapauden vuoksi taistelleen. Se kaunis kukka, on partisaanin, vapauden vuoksi taistelleen.

Bella ciao Versione finlandese di Eino Puumalainen 34a. Bella ciao Finnish version by Eino Puumalainen Suomennos: Amica vale Versione latina Amica vale Latin version Scriba Latinus. Bella ciao canticum Italicum "Bella ciao" in Latinum sermonem a Scriba conversum Hoc die mane sum experrectus - amica mea, vale, vale, amica mea - hoc die mane sum experrectus in patria haud libera Tecte bellator, tecum me aufer - amica mea, vale, vale, amica mea - tecte bellator, tecum me aufer mortem iam non reformido.

Si autem moriar bellandi causa - amica mea, vale, vale, amica mea - si autem moriar bellandi causa rogo me sepulturae des Rogo sepelias in summo monte - amica mea, vale, vale, amica mea - rogo sepelias in summo monte sub umbra floris cuiusdam Et viatores stupentes dicent - amica mea, vale, vale, amica mea - et viatores stupentes dicent: Probabilmente anche nel fucile.

Segnalata da varie edizioni di Wikipedia, ecco la "Bella ciao" ucraina del cantautore o "bardo" ucraino Orest Ljutyj. Come segnalato in questa pagina, sull'aria di "Bella ciao" veniva cantata in Ucraina una canzone nazionalista e fascista; Orest ha rimesso le cose un po' a posto.

Il testo della canzone è accompagnato da una trascrizione in caratteri latini. As pointed out in this page, a nationalist-fascist Ukrainian song used to be sung in Ukraine to the tune of "Bella ciao".

The song lyrics are followed by a transcription into Latin characters. Hej, otamane, mene v zahin svij Ty zaraxuj, zaraxuj, zaraxuj-xuj-xuj! Ricordiamo che presso i serbi etnici l'uso dei due alfabeti è totalmente interscambiabile. Transcription has been made according to the official rules. We remind you that ethnic Serbs may use the two scripts interchangeably.

I ako umrem, kao partizan Ti iskopaj meni grob. Sahrani me gore, u planinama Ispod senke divnog cveta. I ovo je cvet partizana koji je umro za slobodu. This one or a very similar one we used to sing in the school in the old days. It's the short version in 4 strophes. The translation is reasonably accurate and - what is equally important - this one is singable!!!

Other Serbo-Croatian translation here have too long verses. I'd appreciate very much if you include this version in your database. A ako umrem, kao partizan, Ti iskopaj meni grob.

I posadi jedan cvet. Aru asa ni mezamete, Ga wa shinryaku-sha o minu. Ga o yama ni ume tamae, Utsukushiki hana no shita ni.

Michi yuku hito-ra mo Kono Hana no utsukushi-sa o tsugen. La traduzione è opera del Coro Onkan. Il coro Onkan è una società studentesca i cui membri sono in massima parte studenti dell'Università di Tokyo. Translation by the Onkan Choir. Onkan Choir is a student society whose member are mostly students of Tokyo University.

Aru asa mezamete Saraba saraba koibito yo Mezamete ware wa minu Semeiru teki wo 2. Ikusa ni hatenaba Saraba saraba koibito yo Ikusa ni hatenaba Yama ni umeteya 4.

Umeteya ka no yama ni Saraba saraba koibito yo Umeteya ka no yama ni Hanasaku moto ni 5. One day morning,I awakened, Farewell,farewell,my love, I awakened,then I found the invading enemy. Take me away with you, Farewell,farewell,my love, Take me away with you,partizan, I am almost dead. If my life end in battle, Farewell,farewell,my love, If my life end in battle, Bury me on a hill.

Bury me on that hill, Farewell,farewell,my love, Bury me on that hill, Under the blossoming flower. When people pass there, Farewell,farewell,my love, When people pass there, They will appreciate that flower. E picchia picchia la porticella. La "Bella Ciao" in occitano di Patric Quatre companhas, mila companhas, o bella ciao Cantavan la tèuna canson.

L'aura es valenta, l'auba es naissenta, o bella ciao E lo camin mena a la mar. E tu que dobtas, ven amb nautras, o bella ciao L'aire sentís la libertat. Bella ciao Versione in lombardo Bella ciao Lombard version Ripresa da lmo.

La versione presenta alcune alternative di traduzione. The version shows a number of translating alternatives. Ona matinna me son dessedaa, o bella, ciao! Ona matinna me son dessedaa e ho trovaa l'invasor. E se mi mori da partigian, o bella, ciao! E [Tutt] i gent che passarann o bella, ciao! La versione di Borghese , da L'educazione delle rockstar da bielle. Questa mattina mi sono svegliato e in grassetto su tutti i giornali dicevano che qui in Italia governerà ancora un nano o un ex PCI del resto mi sembra coerente votare 2 facce diverse di quella medaglia per far ripartire questo vecchio culo d'Italia come fosse un juke-box la differenza tra una stronza di destra e una di sinistra la prima che dopo l'amore ti fa la pagella con tutte le amiche la differenza tra una stronza di destra e una di sinistra la seconda ti apre i suoi appunti di viaggio e ti fa una recensione Questa mattina mi sono svegliato mia bella ciao, bella ciao ciao Italia, ciao Italia, ciao io vado via Questa mattina mi sono svegliato mia bella ciao, bella ciao ciao Italia, ciao Italia, ciao io vado via passato un secolo appena dalla dittatura di uno a questa strana forma democratica di dittatura La loro versione si conclude con una citazione di "Sabato pomeriggio" di Claudio Baglioni.

Scaricabile dal sito dell'autore Anche la versione di Tonio Scatigna è scaricabile dal sito ufficiale. Obtenir le lien Voir dans la timeline La "Bella Ciao" del bancario Poiché anche i bancari cantano "Bella Ciao", abbiamo pensato di commissionare al nostro rattaccio di fogn fidatissimo Riccardo Scocciante una versione ideata apposta per loro.

T'hai fatto bene a sparà al bancà. È Bella Ciao, la canzone per eccellenza della Resistenza, il canto partigiano più popolare tra tutti quelli che hanno accompagnato le stagioni di lotta della Seconda Guerra Mondiale e dell'immediato dopoguerra, senza contare l'uso che se ne fece durante le dimostrazioni dell'autunno caldo italiano.

Ma quali sono le sue origini, quando è possibile datare il motivo di questo celebre "canto resistente"? Pare che i versi iniziali dell strofa siano da attribuire alla ballata Fior di tomba, mentre l'inciso "o bella ciao", da una rima di una canzone per bambini La me nona l'è vecchierella. Nel dopoguerra il motivo diventa una sorta di bandiera del mondo della sinistra militante negli anni della guerra fredda. A cavallo tra i Cinquanta e i Sessanta è un classico del repertorio del Cantacronache di Michele Straniero, Sergio Liberovici e Fausto Amodei, laboratorio etnomusicologico a cui si deve, tra l'altro, il recupero e il consolidamento della canzone di protesta.

Milva la rilesse nel '65 per un singolo, in un periodo in cui il brano conobbe popolarità nell'esecuzione del Nuovo Canzoniere Italiano al Festival di Spoleto. Nel mondo del rock la Banda Bassotti dal vivo spesso esegue Bella Ciao, mentre i Modena City Ramblers, la band militante per eccellenza del panorama folk rock italiano ne hanno regalata una versione alla compilation del Consorzio Produttori Indipendenti, Materiale Resistente.

Anche i Gang sovente la inseriscono in scaletta nei loro spettacoli live. Buon 25 aprile in ritardo a tutti! Obtenir le lien Voir dans la timeline Email di Gin per conoscenza: La musica è invece quella di un antico canto popolare di mondine. Poi, dopo la Liberazione fu eseguita in qualche celebrazione del Esta mañana me he levantado. Obtenir le lien Voir dans la timeline Incredibile pagina che vengo di scoprire!!!

La canzone poi e le parole Ogni volta che la sento vedo i miei eroi partigiani!!! Non dimenticare obbliga a comprendere, a smascherare, a continuare quella lotta. Per combattere questo nuovo fascismo non ci saranno i vostri nonni, o i padri dei vostri nonni. Obtenir le lien Voir dans la timeline Caro Riccardo Mi sembra che nella versione delle Mondine manchi questa strofa doppo quella di: Je vais l'ajouter tout de suite Un prodotto politico invece di un altro, la globale libertà di scelta di noi popolo delle libertà.

Se questo è quello che resta della libertà per cui è morto e vissuto quel partigiano, è normale che il funerale glielo canti la Coca Cola in Messico. Vedo un cd con il titolo: Lo compro, pagando appunto due euro.

Dopo qualche settimana lo ascolto, mentre vado a lavorare in macchina. Insomma, la musica era proprio quella di Bella ciao, la canzone dei partigiani. Mi fermo, leggo il titolo e l'esecutore del pezzo. E allora ho cominciato il mio viaggio nel mondo yiddish e nella musica klezmer. Volevo sapere come una musica popolare ebraica nata nell'Europa dell'Est e poi emigrata negli Stati Uniti agli inizi del ' fosse diventata la base dell'inno partigiano".

E' stata scritta tante volte, la "vera storia di Bella ciao". Forse l'ha portato un emigrante italiano tornato dagli Stati Uniti.

Con quel cd in mano, copia dell'incisione del , mi sono dato da fare e ho trovato un aiuto prezioso da parte di tanti docenti inglesi e americani. Martin Schwartz dell'università della California a Berkeley mi ha spiegato che la melodia di Koilen ha un distinto suono russo ed è forse originata da una canzone folk yiddish. Rod Hamilton, della The British Library di Londra sostiene che Mishka Ziganoff era un ebreo originario dell'est Europa, probabilmente russo e la canzone Koilen è una versione della canzone yiddish "Dus Zekele Koilen", una piccola borsa di carbone, di cui esistono almeno due registrazioni, una del di Abraham Moskowitz e una del di Morris Goldstein.

Dice anche che è un pezzo basato su una canzone yiddish il cui titolo completo è "the little bag of coal", la piccola borsa di carbone". Più di un anno di lavoro. Provo a suonare la melodia E' proprio la Koilen di Mishka Tsiganoff. Ma resta un dubbio. La risposta arriva da Ernie Gruner, un australiano capobanda Klezmer: Del resto, la storia di Bella ciao è sempre stata travagliata.

La canzone diventa inno "ufficiale" della Resistenza solo vent'anni dopo la fine della guerra. La canzone più amata dai partigiani era "Fischia il vento". Ma era troppo "comunista". Innanzitutto era innestata sull'aria di una canzonetta sovietica del , dedicata alla bella Katiuscia. E le parole non si prestavano ad equivoci. Era politicamente corretta e con il suo riferimento all'"invasor" andava bene non solo al Psi, ma anche alla Dc e persino alle Forze armate. Questa "vittoria" di Bella ciao è stata studiata bene da Cesare Bermani, autore di uno scritto pionieristico sul canto sociale in Italia, che ha parlato di "invenzione di una tradizione".

E poi, a consacrare il tutto, è arrivata Giovanna Daffini". La "voce delle mondine", a Gualtieri di Reggio Emilia nel davanti al microfono di Gianni Bosio e Roberto Leydi aveva cantato una versione di Bella Ciao nella quale non si parlava di invasori e di partigiani, ma di una giornata di lavoro delle mondine.

Aveva detto che l'aveva imparata nelle risaie di Vercelli e Novara, dove era mondariso prima della seconda guerra mondiale. La consacrazione avviene nel , quando il Nuovo Canzoniere Italiano presenta a Spoleto uno spettacolo dal titolo "Bella ciao", in cui la canzone delle mondine apre il recital e quella dei partigiani lo chiude".

I guai arrivano subito dopo. I ricercatori tornano al lavoro e dicono che comunque tracce di Bella ciao si trovano anche prima della seconda guerra.

Forse la musica era presente in qualche canzone delle mondine, ma non c'erano certo le parole cantate dalla Daffini, scritte quando i tedeschi invasor erano stati cacciati da un bel pezzo dall'Italia".

Fino a quando ci sarà ricordo dei "ribelli per amore", si alzeranno le note di Bella Ciao, diventato inno quando già da anni i partigiani avevano consegnato le armi. Forse le cantavano - dice William Michelini, gappista, presidente dell'Anpi di Bologna - quelli che erano in alta montagna.

Noi gappisti di città e partigiani di pianura, gomito a gomito con fascisti e nazisti, non potevamo certo metterci a cantare". Obtenir le lien Voir dans la timeline Mentre si ritrovano presunte antenate yiddish di "Bella Ciao", in questi modernissimi tempi dell'anno I E.

Era Berlusconi giungono notizie inquietanti in vista del 25 aprile. La sindachessa milanese Letizia Moratti, che pure ci dovrebbe avere il "padre partigiano" in carrozzella da lei spinta personalmente lo scorso anno non andrà invece alla manifestazione cittadina, e in fondo nessuno se ne rammaricherà più di tanto.

Intrecciando tutto questo con le dichiarazioni pre-elettorali di Dell'Utri, c'è veramente di che stare allegri; o, forse, più semplicemente, c'è da scendere in piazza, possibilmente numerosi. Possibilmente ricominciando a riprendercele, 'ste benedette piazze sempre più in preda alle "sicurezze" di lorsignori, dei bravi cittadini, dei rondaioli più o meno in camicia brun Magari, chissà, passati i primi stracciamenti di vesti dei neo "extraparlamentari", s'avessero a accorgere che non è nei parlamenti che la sinistra deve fare politica, ma proprio nelle piazze, tra la gente, tra la gente che ha sentito la sinistra "parlamentare" sempre più slegata, lontana, assente.

Non dimentichiamoci che il 25 aprile è una festa , e che non ce ne priveranno. Una festa dove di gente abituata da sempre ad essere "extraparlamentare" ce ne sarà a bizzeffe: E se gli altri amministratori o semplici collaboratori e amici di questo sito volessero ricordare analoghe feste che si svolgono nelle loro città o nelle loro zone, saranno ovviamente ringraziati per questo piccolo ma significativo atto di resistenza quotidiana. E al sindacone fascistone di Alghero? Obtenir le lien Voir dans la timeline [ Nella suddetta pagina di "Bella Ciao" la cui trattazione pare particolarmente curata c'è un'immagine d'incipit.

Si vedono due partigiani che sparano per le strade di Torino nei giorni della liberazione. E c'è pure la didascalia. Quella foto appartiene a un corpus di immagini realizzate dalla resistenza a liberazione avvenuta. I partigiani recitano la parte di partigiani e a volte la parte dei morti. Il vero e il falso ci battono ancora nelle tempie. La macchina fotografica, per la sua natura delatrice, non era molto amica dei partigiani e ve lo immaginerete anche solo pensando ai set spogli da cui lanciava proclami il saudita incazzuso o i passamontagna zapatisti o certa avversione dei centri sociali per il cronachista di turno, ovviamente commisurando il tutto alle diverse realtà.

Si vuol apparire senza apparire è forse una strategia della comunicazione ma non è il punto ora e rischiamo di andare troppo oltre e di finire in un simpatico ginepraio semiologico. Si badi bene, non c'erano solo quelle, ci sono immagini di battaglia vere ma a noi interessano proprio quelle. Il muro a cui sono addossati i due partigiani è coperto di scritte che fanno riferimento alle SS, probabilmente posticce sono un riferimento didascalico importante perchè collocano quell'immagine nelle sue coordinate di spazio e di tempo.

Con buona pace di chi si chiede cosa sia vero e cosa no. Di vero c'è la guerra e i morti. Il resto deve gestire il criterio narrativo. Per il bene della memoria. Per il male della memoria. Infatti c'è un'immagine che raffigura un carro armato che attraversa le vie di Torino guidato dai partigiani. Quel carro non avrebbe mai sparato un colpo, era un prodotto artigianale realizzato dagli operai della Fiat sulla base di un camion.

Mi rimanda alla memoria i mezzi blindati allestiti dalla compagine anarchica nella guerra di spagna. I blindati erano trattori coperti di lamiere che servivano a rassicurare la popolazione più che a fermare i franchisti. Eppure son finiti bruciati e han combattuto finchè potevano.

Mi commuovo quasi a pensarci e allora dovrei oggettivamente commuovermi anche pensando al blindato posticcio ricavato da un mezzo agricolo con cui un manipolo di leghisti cercarono di espugnare piazza San Marco. Ma la memoria è un fatto personale prima che collettivo e se come tipologia di fatti storici i blindati posticci sono analoghi, dal punto di vista emotivo non mi fanno lo stesso effetto.

E' un diritto che possiamo rivendicare se guardiamo alla storia. Giorgio Olmoti , dalla mailing list "Fabrizio". Obtenir le lien Voir dans la timeline La seguente e precisa confutazione del presunto "scoop" di Jenner Meletti su "Repubblica" riguardo alle origini di "Bella Ciao" è stata redatta da Carlo Loiodice e pubblicata il 6 maggio su Carmilla Online. E' stata opportunamente segnalata da Franco Senia sulla mailing list "Fabrizio". Bella questa di "Bella Ciao"! Prova, in entrambi i casi, che la filologia non è roba per il primo dilettante che passa.

Il che dovrebbe indurre i giornalisti della carta stampata a differenti e nuove modalità di comportamento. A quella notizia io ho creduto. Il che ne mantiene la gloria, assegnando un credito al citante. Molti ricordano un caso di oltre una quindicina di anni fa. Possibile che il globale Collins avesse freddamente deciso di depredare il locale Graziani? Allora è stato Graziani a copiare! Ma in caso affermativo, da chi? Ed è appunto la sonatina op.

Senza che per questo vada a Clementi alcun merito di originalità: Ma penso anche a prestiti interni alla stessa musica popolare: Normalmente, tra composizione originale e parodia, la distinzione è netta: Affermo questo nella consapevolezza di dire quasi una scempiaggine. Anzi, il livello di allusività è altissimo. Ecco un esempio dalla tradizione letteraria. Amor, ch'al cor gentil ratto s'apprende, prese costui de la bella persona che mi fu tolta; e 'l modo ancor m'offende.

Inferno, canto V Ugo Foscolo: Ultime lettere di Jacopo Ortis. Non parodia ma allusione, rimando semantico, relazioni tra significanti. Come in questo caso più recente e meno impegnativo. Una mattina mi son svegliata [alzata]. Siamo ancora nella biblioteca di Babele. Storici e filologi si occuperanno poi di vedere se certe suggestioni richiamate dalle coincidenze hanno una base materiale verificabile.

E tutto questo finché le coincidenze sono macroscopiche o almeno intriganti. Ma… Una mattina mi son svegliato e ho… acceso la radio. La notizia non è nuova. E per quanto i montatori del servizio abbiano fatto di tutto per disturbare la percezione della musica, mi sono impuntato e, a scopo di verifica, ho cercato di riascoltare la trasmissione sul web.

Si trova da qui. E qual non fu il mio stupore nel verificare… Forse ci siamo capiti… Chi non ama o non conosce il blues dice che tutti i blues si somigliano. Ed è quello che è capitato al nostro ingegnere viaggiatore, che ha scambiato un cocomero per un melone, mettendosi poi in giro a scomodare testimoni ed esperti; i quali, per non rischiare la brutta figura o subito o più tardi, hanno risposto con mani avanti e piaggeria.

Il giornalista ha fatto il resto. Provo a spiegarmi a un tanto al chilo. Quel che segue, ancorché ascoltato confusamente, non mi pare nemmeno degno di esser preso in esame. Eppure tutti gridano al prodigio e si fanno in quattro per cercare ragioni e motivi per provare qualcosa che non è avvenuto. Certo i migranti migrano e portano con sé anche le loro musiche. Ed è interessante ricostruire certi percorsi.

Obtenir le lien Voir dans la timeline Credo che Carlo Loiodice, prima di scrivere avrebbe fatto meglio ad ascoltare la koilen di cui si parla. E' sempre una buona regola farlo. Se lo avesse fatto si sarebbe risparmiato una brutta figura. Obtenir le lien Voir dans la timeline Ricambiando la cordialità al sig. Fausto Giovannardi, ed avendo ascoltato il video di "Koylen", mi sentirei di dire che l'identità tra la melodia in questione e quella di "Bella Ciao" si limita alle cinque o sei note iniziali; per il resto mi sembra una cosa totalmente diversa.

Ovviamente non sono un musicologo e nemmeno un musicista , e le mie impressioni si basano esclusivamente sull'ascolto; ma sinceramente non mi sentirei di proporre una "derivazione" della melodia di "Bella Ciao" da quella klezmer.

In linea di massima, la confutazione di Loiodice mi sembra precisa e non parlerei quindi di "brutte figure" ma di opinioni diverse in materia, diverse e fortunatamente argomentate.

In attesa di analisi musicologiche più precise, in questa pagina non ci resta che prendere atto sia delle conclusioni del sig. Con tutto il rinnovo dei miei più cordiali saluti, e con tutto il rispetto, Riccardo Venturi. Obtenir le lien Voir dans la timeline Bello questo sito Per quanto mi riguarda continuo a dare la mia piena solidarietà a quelle donne, oggi anziane, che all'epoca dei Vostri eroici conigli, molti saltati sul carro del vincitore senza aver mai preso in mano un fucile, ma che in compenso erano bravi ad andare a saccheggiare famiglie indifese e violentare le sorelle o le madri di quei poveri ragazzi costretti a imbracciare le armi per difendere quei farabutti criminali che erano in Italia e che in branco si dichiaravano vincitori!

Genericamente, e ripeto genericamente, mi sembra di aver compreso forse che tu ce l'abbia con qualcosa a metà tra il famoso "triangolo rosso dell'Emilia" visto anche da dove scrivi Insomma, il discorso è sempre lo stesso.

E allora, carissima Miriam, certo che rimaniamo rinchiusi qui dentro; ci rimaniamo rinchiusi per cercare di difendere la memoria e per combattere ogni sorta di revisionismo storico. Potrai casomai avvalerti delle dichiarazioni del buon Dell'Utri, che vuole rifare i libri di scuola; vedrai che saprà soddisfarti, e che le sorelle e mamme dei poveri ragazzi avranno tutta l'importanza che meritano invece di quei maledetti partigiani komunisti che venivano soltanto messi al muro e impiccati senza processo al pari di tanti ragazzi che a servire i "farabutti criminali" non vollero andarci.

Puoi chiamarla benissimo "demenzialità", questa, se ti pare; noi il tuo lo chiamiamo fascismo appena un po' imbellettato. Obtenir le lien Voir dans la timeline Questo è un estratto dal Congresso Internazionale della Gioventù esperantista Internacia Junulara Kongreso tenutosi nell'agosto in Ungheria.

Obtenir le lien Voir dans la timeline Tra le curiosità da segnalare è che "Bella Ciao" è l'inno ufficiale dei tifosi di una squadra di calcio europea: Ammetto che la maggioranza dei lettori lo possa leggere con più facilità che non quella ungherese Congratulazioni, un abbraccio, e keep up the good work.

Obtenir le lien Voir dans la timeline Caro Riccardo: Ma che sorpresa che scrivi in ungherese, ed anzi tanto perfettamente!

Una possibilità ovvia che cerco di realizzare subito è di revisare tutto il tuo sito e di aggiungere delle informazioni dove ne vedo la possibilità. Se trovo canzoni o altre cose alle quali ho da aggiungere tanto che è già sufficiente per un piccolo essay, simile a quello che ho compilato sul Bella ciao, lo faccio volentieri.

Ma se sei tu che hai qualche idea, dimmelo e potrai contare a me. Mikor 16 éves voltam, voltam mint minden 16 éves: Io c'ero già, il 25 Aprile, ma ero piccolino, solo tre anni e mezzo. Ma ho visto Moscatelli. Quando si tratta di attaccare noi di Moscatelli siamo i primi Se nascevo prima, magari stavo con lui, a liberar l'Italia. Magari no, è un attimo farsela sotto.

Négher Todésch de la Wermàcht mi fai paura dumà a pensàgh. Resterà sempre il dubbio, per uno come me. Ma per uno come Lui, dubbi non ce n'è. Che avrebbe fatto Berlusconi se fosse nato prima? La borsa nera, amici, la borsa nera! Forse si mangia le palle per l'occasione perduta. Obtenir le lien Voir dans la timeline Su un vecchio disco di Giovanna Daffini contenente anche Badoglieide, Quei briganti neri e Fischia il vento una nota metteva in qualche modo in dubbio la rilevanza storica di Bella Ciao, che è diventata uno degli inni della resistenza DOPO la liberazione, ma che durante la guerra partigiana appartenesse solo ad un ridotto gruppo di partigiani.

Insieme a Fischia il vento , è la canzone più famosa della Resistenza italiana. Anzi, nel mondo, è questo il canto italiano di argomento partigiano più popolare, conosciuto sia nella nostra lingua che in traduzioni. Nessuna delle melodie pubblicate e non sono molte purtroppo, data la cattiva consuetudine della maggior parte dei nostri vecchi raccoglitori di dedicarsi ai testi, trascurando la musica , coincide con quella della canzone della Resistenza.

Questo canto è già pubblicato, nella registrazione originale di Giovanna Daffini Carpi, di Gualtieri, Reggio Emilia nel disco DS4 Canti del lavoro 1 di questa stessa serie. Alle note che accompagnano quel disco rimandiamo per altre informazioni.

Ad ogni modo, vorrei anche precisare una cosa che mi sembra fondamentale e che non è mai stata, credo, nominata in questo sito. È stata presa come simbolo perché, francamente, adattabile a tutta la lotta partigiana senza distinzioni di schieramenti e ideologie, anche se la famosa "ultima strofa" è stata poi plasmata a piacere.

Ma il vero canto partigiano, quello cantato sul serio sulle montagne, a detta dei partigiani superstiti non era "Bella Ciao": Sugo, partigiano della divisione "Arno" della brigata partigiana "Sinigaglia", 83 anni, frequentatore del CPA Firenze Sud e che conserva ancora orgogliosamente la bandiera della sua divisione, afferma che nessuno in essa cantava mai "Bella Ciao".

Tutti cantavano "Fischia il vento" e altri canti. Fischia il vento, infuria la bufera, scarpe rotte eppur bisogna andar, a conquistare la rossa primavera dove sorge il sol dell'avvenir. Ogni contrada è patria del ribelle ogni donna a lui dona un sospir, nella notte lo guidano le stelle forte il cuore e il braccio nel colpir.

Se ci coglie la crudele morte dura vendetta verrà dal partigian; ormai sicura è gia la dura sorte contro il vile che noi ricerchiam. Cessa il vento, calma è la bufera, torna a casa fiero il partigian Sventolando la rossa sua bandiera; vittoriosi e alfin liberi siam. Dopo la Liberazione queste strofe furono cantate dai partigiani emiliani in occasione dei vari festival mondiali della gioventù che si tenevano ogni due anni in varie capitali europee La canzone ebbe ovunque un gran successo grazie soprattutto al famoso ritmico battimani e fu tradotta in tutte le lingue europee: A proposito di festival mondiali della gioventù: Obtenir le lien Voir dans la timeline Da Sanremo [!!!

Obtenir le lien Voir dans la timeline La cancion que indicais de bella Ciao en Español.. Il sindaco di Mogliano Veneto, evidentemente, fa volutamente, confusione storica e politica, dal momento che i fatti che ispirarono la 'Canzone del Piave' risalgono al , allorche' l'Austria-Ungheria decise di muovere un grosso attacco all'esercito italiano, nell'intento di piegarlo definitivamente, dopo la sconfitta di Caporett; mentre 'Bella Ciao' e' il canto popolare italiano che piu' ricorda la Resistenza, la lotta al nazi-fascismo e, quindi, il 25 aprile del , giorno in cui i partigiani liberarono il Nord-Italia dall'occupazione".

E' quanto afferma Alessandro Pignatiello, coordinatore della segreteria nazionale della Federazione della Sinistra. Andrebbe cantata e suonata da tutti, a prescindere dalle colorazioni politiche delle giunte Obtenir le lien Voir dans la timeline Oggetto: Obtenir le lien Voir dans la timeline E pensare che in Francia -mi risulta - le "Chant des Partisans" di Anne Marly è per legge un "bene nazionale" Obtenir le lien Voir dans la timeline E pensare che Berlusca dice che insegnanti come i magistrati e libri di testo di storia sono sinistrorsi Obtenir le lien Voir dans la timeline Commissione di inchiesta sui p.

Non se la prenda, Capezzone, tutti nella vita ci siamo presi qualche cazzotto Obtenir le lien Voir dans la timeline -- capEzzone??? È proprio il caso di dire, tuttavia, che Mazzi non si smentisce mai: Non ci credo, non è possibile! Sono due cose incommensurabilmente diverse. Obtenir le lien Voir dans la timeline Un bel video con sottotitoli in inglese e persiano: Antonini Va pensiero, La Russa e perfino le Frecce tricolori sul cielo dell'ultima Liguria per celebrare, col festival della canzone italiana, anche l'Unità della nazione.

Tutto fuorché Bella ciao. Bermani, 74 anni, è fra i più importanti studiosi delle tradizioni popolari. Per chi come lui ha girato l'Italia col magnetofono acceso per registrare canti e storie di vita, tornare nella "città dei fiori"è una sorta di salto all'indietro. Su quell'onda ci siamo domandati come mai in Italia non esistesse un corpus di canto sociale. Dalla mole di quei materiali vennero fuori anche i "mitici" Dischi del Sole, l'esperienza del Nuovo Canzoniere Italiano e uno spettacolo per il festival di Spoleto dal titolo proprio Bella ciao.

O'surdato 'nnamurato riproposto all'Ariston da Roberto Vecchioni, ndr si poteva cantare anche davanti a un graduato. Non era certo Oh Gorizia tu sia maledetta E l'altra canzone, Mamma: Sono centinaia e ci dicono di più di quanto dica il testo canonico La bella gigogin, ma per favore! Mi sembra di essere tornato a prima di cominciare la ricerca. Che poi - sembra un paradosso quella selezione "revisionista" è stato anche il destino di Bella ciao, prima della sua fortuna, oggi della sua elisione.

Fu scelta per via di un testo che non aveva alcuna allusione rivoluzionaria. Come sai non è quella la canzone della Resistenza, semmai è Fischia il vento. Basta leggere Fenoglio per trovare l'invidia dei badogliani per quel canto. Bella ciao era canticchiata in alcune zone d'Italia, nasce in Emilia e poi s'è diffusa con alcune varianti per esempio quando è venuta su con l'Esercito di Liberazione dal sud. Al nord è stata ascoltata solo nei giorni subito prima della Liberazione.

Quello che sta avvenendo a Sanremo è un normale episodio della lotta di classe in questo Paese, voglio dire, con Woody Guthrie, che la canzone popolare è forte quando è forte il movimento operaio.

Infatti, quando lo è stato ha prodotto cultura e conoscenza approfondita. Cito il lavorio sulle canzoni di guerra. Oggi sappiamo benissimo cosa cantavano i soldati al fronte durante la Grande Guerra.

O' surdato 'nnamurato è una bella canzone, ma ne esiste una parodia con un testo contro gli imboscati. Quando siamo partiti con la nostra ricerca c'era chi pensava che queste canzoni non esistessero perché erano invisibili ai mass media e all'università.

C'è stato un gran lavoro compiuto da organizzazioni che si collocavano all'interno del movimento dei lavoratori. Ma quando s'è affermata Bella ciao nell'immaginario popolare? Fu verso la metà degli anni ' Un canto è importante se viene cantato durante gli scioperi. Il bello di Bella ciao sono le varianti nei canti di fabbrica. E' penetrata davvero e noi del Nuovo canzoniere abbiamo avuto una parte di "colpa" per via del clamore suscitato dal nostro spettacolo - "Bella ciao", appunto - che portammo al Festival dei Due Mondi di Spoleto.

Già avevamo dovuto far modificare alcune cose. Quel testo lo avevo inserito io nel copione, ma era una versione senza quella strofa. Dunque non vi fu malizia? C'era un brano, E per la strada gridava i scioperanti del , con una strofa che diceva: Qualcuno le rispose "posseduta!

Giorgio Bocca, da un palchetto l'apostrofo dicendole carampana, lei rispose: E Giovanna Marini è stata immortalata con la chitarra pronta a colpire un assalitore.

In questo campo sono sorte delle vere istituzioni di movimento, penso all'Istituto de Martino per la conoscenza critica e la presenza alternativa del mondo popolare e proletario", come spiega la ragione sociale. Esatto, e sono nate dal basso, senza aiuti particolari, c'è stata sordità anche da parte dei partiti di allora.

Pci e Psi ci hanno utilizzato molto nei festival, ma ci guardavano come fumo negli occhi, non piacevamo E perché? Erano anche loro vittime della cultura borghese. Oggi lo chiameremmo mainstream. Ma, nella mutazione radicale delle forme di fruizione e nella liquidità del corpo sociale, c'è ancora spazio per il canto sociale?

Sono nato che già si sentiva dire che il canto popolare era morto. Ho scoperto più tardi che erano già tre secoli che si diceva.

Come tutte le cose, anche il canto sociale ha momenti di scarsa vitalità e riapparizioni improvvise. Avresti detto che nel Maghreb sarebbe successo tutto quello che sta accadendo? Io ho sempre pensato che avrei rivisto la faccia di Nasser portata in piazza.

Oggi la ricerca è lasciata alla buona volontà dei singoli, mancano imprese collettive, e non è che altri settori della lotta politica stiano meglio. Ma non siamo soli, continuano a esserci una serie di gruppi che utilizzano e studiano il canto sociale. C'è tutto il grande discorso sulle fonti orali, sull'importanza di raccogliere testimonianze dal vivo.

C'è l'appuntamento a Piadena, altro miracolo di questi tempi che da anni si riuniscano più di mille compagni per cantare, fare festa e ascoltare seminari politici. Nel libro ho deciso di inserire una serie di versioni mai viste e, nei dischi s'è deciso di non dare i più noti. Non ci sono Bella ciao e nemmeno Addio Lugano bella che fu scritta sul tema di un brano dal titolo Addio Sanremo bella. Tutto questo per privilegiare canti meno noti come quelli contro la guerra di Libia. La musica che ha fatto l'Italia non è quella di Sanremo.

Et peut-être, somme toute, dit-il la vérité et se rend-t-il compte enfin? Ainsi Parlait Lucien Lane. Obtenir le lien Voir dans la timeline Bellissimo video, commovente, grazie per averlo postato. Vorrei aggiungere un brano di José Martí: Esos son los que se rebelan con fuerza terrible contra los que les roban a los pueblos su libertad, que es robarles a los hombres su decoro. En esos hombres van miles de hombres, va un pueblo entero, va la dignidad humana. Sono quelli che si ribellano con forza terribile contro coloro che rubano ai popoli la loro libertà, che vuol dire rubare agli uomini il loro decoro.

Ha suonato con numerosi gruppi dell'Emilia-Romagna, e ha fatto tournèe musicali in mezzo mondo per divulgare gli ideali progressisti con la sua musica popolare-politica. Obtenir le lien Voir dans la timeline "Bella ciao" cantata in italiano da Maria Farandouri. Obtenir le lien Voir dans la timeline D'accordo sul forte aggettivo "nazi-sionista" per definire l'ennesima aggressione israeliana a Gaza.

Mi permetto tuttavia di definire almeno come "miope" l'uso da parte di Hamas dei missili di fabbricazione iraniana: Pensa forse Hamas di poter utilizzare i bambini di Gaza come carne da cannone nel conflitto ancora strisciante ma conclamato tra i nazi-sionisti israeliani ed i nazi-islamici iraniani?

A me fanno schifo entrambi, nessuna differenza: Obtenir le lien Voir dans la timeline Non so che dirti; so soltanto che la politica dello stato sionista, per me, è oramai pienamente assimilabile a quella della Germania hitleriana. Quanto a Hamas, glieli vuoi portare tu i missili di fabbricazione vercellese? Scusami ma non mi sento propenso, oggi come oggi, all'equidistanza. Il regime teocratico iraniano non mi sta simpatico, no di certo; ma la situazione a Gaza è sotto gli occhi di tutti.

E nello schifo credo che sia necessaria una gradazione, altrimenti si cade nel solito giochetto di fabbricarci da soli chi ci sta simpatico o meno, a nostro uso e consumo.

A quanto mi risulta, non è Gaza che assedia Israele senza alcuna possibilità di uscita; è il contrario. La politica di Israele è di sterminio, e non bastano gli pseudo-intellettuali "progressisti" alla David Grossmann da sputi, a mio parere a celarlo; o vuoi fare come la "pacifista" Noa, quella che durante la precedente guerra si profondeva in tanta "fraternità" coi palestinesi per poi incitare Israele e "fare il lavoro" di eliminare Hamas?

Ti ricordi com'è andata a finire? Le bombe a grappolo te le ricordi? E Hamas è stata "eliminata"? Per questo certi aggettivi molto "forti" vanno usati senza remore in quanto corrispondenti alla realtà. Mi sarebbe piaciuto che certe considerazioni tu le avessi poste a Vittorio Arrigoni, ma purtroppo non è più possibile. A meno che, ripeto, tu non ti dia da fare per fornire a Hamas e a chiunque si difenda dallo sterminio dei mezzi per farlo, di fabbricazione più "democratica".

Per la gente di Gaza non passa uno spillo che Israele non voglia. Devo specificare che questo mio intervento non è rivolto particolarmente a te, che peraltro ti sei spiegato a dovere nel commento immediatamente precedente a questo. Tutto sommato, io credo che -comunque-, se è senz'altro complessa la storia del conflitto israelo-palestinese, non è semplice nemmeno la società iraniana.

Non è semplice nulla; soprattutto, in certe situazioni come quella di Gaza non è semplice vivere. E di questo è necessario tenere conto sopra ogni altra cosa.

E' una situazione che va oramai troppo al di là dei nostri "desideri", delle nostre "speranze", delle nostre "utopie" e compagnia bella. Non ti va di semplificare, ma purtroppo la situazione è semplice: Fai tu, pur mantenendo tutte le tue legittime speranze.

Specie quando è in gioco la pelle, e quando le più elevate astrazioni non hanno prodotto nulla. Su questo, è vero, giocano tutte le tirannie. Anzi, spesso, si basano proprio su di questo. E bisogna fare una scelta, specialmente quando ci si vive dentro. E comunque, fra due o tre giorni non se ne parlerà più fino alla prossima volta. Obtenir le lien Voir dans la timeline Ho letto anche il tuo "Missili vercellesi" e devo dire che quanto a chiarezza sei insuperabile.

Lanciare missili che la propaganda iraniana rivendica come se fossero stati lanciati da Teheran è un po' come la crisi dei missili a Cuba: E se quella la fanno per davvero, allora dovremo assistere - qui, come al solito, placidamente seduti davanti ai nostri pc - ad un Orrore che al confronto tutte le altre guerre mediorientali sembreranno partite alle bocce Obtenir le lien Voir dans la timeline Fra tutte le cose che hai detto, Dead End, trovo particolarmente azzeccata la frase "come al solito placidamente seduti davanti ai nostri pc"; è vero.

Prima di tutto dicendo che, nel , bisognerebbe non cadere troppo nella retorica del "senza armi". La simbologia del sasso, della "lotta a mani nude" contro i carri armati, è vero, ha fatto molto; ma si sparava pure allora. Come sono solito dire a Alessio Lega , facendolo incazzare quando recita il suo monologo sulla "rivoluzione che arriverà in bicicletta"; d'accordo, ma se accanto alle biciclette la rivoluzione arriva anche con qualche Leopard e un po' di copertura aerea, arriva meglio.

Insomma, Rabin e Arafat a Oslo, secondo me, non ci arrivarono esclusivamente a sassate. Sempre tenendo presente che con gli "accordi di pace", secondo me, non si arriverà mai a niente finché non sarà rimosso il principale ostacolo alla pace nella zona e, forse, anche nel mondo: Anche e soprattutto per questo mi rifiuto di cadere nella paccottiglia "negazionista" e roba del genere. Quello che ha ammazzato il dirigente di Hamas, per l'appunto.

A questo punto, compito notoriamente semplice, potremmo darci a formulare oziose ipotesi su quale sia la "strategia migliore", dato che lanciare missili non serve a un cazzo ed è controproducente, non lanciarli non porta comunque ad un alleggerimento della situazione Gaza rimane sempre la solita galera totale ; se i missili non vengono lanciati, i bambini di Gaza muoiono comunque di fame e di malattie; se vengono lanciati muoiono di bombardamenti.

Insomma, mentre i gazawi vanno verso lo sterminio totale, noi stiamo a discutere se Hamas sia o meno "miope". A tale riguardo, ti consiglierei quel che è stato riportato dal blog Baruda , riguardo alle dichiarazioni di Gilad Sharon il figlio di Ariel Sharon. Preparati a leggere l'espressione perfetta della Endlösung in sasa nazi-sionista. La soluzione finale auspicata da Gilad Sharon. Queste alcune delle sue parole. Non credo che, ora come ora, sia più tempo di discutere sulla "miopia di Hamas", Dead End.

Che lancino i missili o che non li lancino. A questo punto, a noialtri anche dai nostri placidi pc tocca, finalmente, dire da che parte stiamo, senza se e senza ma.

Obtenir le lien Voir dans la timeline D'accordo su tutto, con Riccardo e con Dead End, perché se, l'uno ha ragione, quell'altro non ha torto. Ma c'è un aspetto del quale sembra che nessuno sembra rendersi conto: La distanza che c'è tra il mio paese e Como. Un'assurdità mostruosa fin dal suo concepimento, che evidentemente fa comodo a Israele, e fa comodo anche ad Hamas. Detesto il presidente israeliano che, tra l'indesiderata elezione di Obama e la desiderata prossima elezione propria, gioca a freddo la carta di una rappresaglia di stile nazista, che in questo momento ripaga con cento morti il fatto che i precedenti lanci Hamas non ne abbiano causato neppure mezzo tra gli israeliani.

Ma che tra i ladri del FLP e i teocratici di Hamas, sia una popolazione miserevole, che fino a non molto tempo fa credeva in se stessa e non ai preti, debba sempre pagare tutto e il doppio di tutto, questa è la peggior cosa, che va rilevata e denunciata.

Mi domando anche come possa Israele pensare alla lunga di sopravvivere, se progressivamente si priva di interlocutori politici, fino a ridursi a ricattare il solo amico rimastole malvolentieri in piedi, lui pure destinato a implodere prima o poi sotto il peso del suo insostenibile debito. Anche di questo non sarei felice. Obtenir le lien Voir dans la timeline Applausi incondizionati all'intervento di Gian Piero; altro davvero non avrei da dire. Aggiungo che questo è, oltretutto, il "succo" di quel che faceva, diceva e testimoniava Vittorio Arrigoni.

Obtenir le lien Voir dans la timeline E nonostante tutto Arrigoni sosteneva non la necessità della scomparsa dello Stato ebraico ma - che folle! Obtenir le lien Voir dans la timeline Fonte: Erano 13 milioni di uomini e i nazi fecero 13 milioni di grigia grigia cenere… non lo dovete dimenticare… scolpitelo nei cuori e in ogni casolare.

Obtenir le lien Voir dans la timeline. Obtenir le lien Voir dans la timeline Istanbul canta Bella Ciao. Obtenir le lien Voir dans la timeline Bella ciao: Obtenir le lien Voir dans la timeline Il video della versione di Anita Lane.

Ma il suo amico Checco Berti non ha mai confermato questa suddetta leggenda. Obtenir le lien Voir dans la timeline Eseguita durante la manifastazione antifascista a Warszawa in Obtenir le lien Voir dans la timeline Il video di "Bella Ciao" a "Occupy Hong Kong" è stato prontamente "rimosso dall'utente"; si vede che Hong Kong non era stata occhiupàta ammodino.

Mi sa che è la solita fine che fanno tutte 'ste democratiche proteste "pacifiche, festose e colorate": Questo a Hong Kong come dappertutto.

Obtenir le lien Voir dans la timeline Dean Reed interpreta "Bella Ciao" in un programma televisivo sovietico nel Obtenir le lien Voir dans la timeline A quanto pare, effettivamente, la "Bella ciao" viene cantata da tutte le parti possibili che continuano a scannarsi in un grande comune lotta per la pace.

Se è per questo, veniva cantata anche in ucraino un anno fa in piazza Maidan a Kiev. Obtenir le lien Voir dans la timeline Vorrei fare presente a Krzysiek che la "versione ucraina" di Bella Ciao cantata in "piazza Maidan" potrebbe essere una schifosissima espropriazione in senso nazionalista e fascista che circola da anni e anni in Ucraina, e del quale si ha notizia qui ; una delle canzoncine del "Pravyj Sektor" del quale, spero, Krzysiek saprà qualcosa.

Vorrei poi far presente anche la buffissima balla di "piazza Maidan" ripetuta pedissequamente dai media occidentali; "piazza Maidan" non ha nessun senso, è come dire "piazza Piazza" dato che "Maidan" è un nome comune derivato dalla lingua turca: Almeno un po' di indipendenza dalle cazzate dei giornalisti pennaioli bisognerebbe averla.

Naturalmente spero che la versione qui segnalata da Krzysiek Wrona sia quella di Orest Ljutyj; ma questo conferma, in fondo, la natura pienamente puttanesca di "Bella ciao", canzone squisitamente democristiana e buona per tutti.

Obtenir le lien Voir dans la timeline Caro Riccardo.

porno nain escort girl nord

: Porno nain escort girl nord

TV SEXE GRATUIT ESCORT GUIDE Video gratuite sexe wannonce aix en provence
JEUNE ANAL ACTRICE PORNO BLACK Io ho sempre pensato che avrei rivisto la faccia di Nasser portata in piazza. Oh we are singing for cleaner atmosphere Oh bella No greenhouse gases, carbon emissions A different energy right. Bree, La Valle di Andrath Bree: Old Bauman's Farm Livello 8 Ricompensa: Archet, Trovare Una Ragione Archet: Qualche passo giù sotto casa, Ahi ragazza! Sono convinto che questo triste esodo avrà conseguenze drammatiche.
FEMME SEXY PORNO ESCORT GIRL AQUITAINE Extrait sexe gratuit escort occasionnelle
Cul mature escort girl a mulhouse 785
Gay francais porno escort girl figeac 126

Combe, Riallacciare i Legami Combe: Reconnecting Ties Livello 9 Ricompensa: Nessuna - Parlate con Ted Pickthorn a Combe Combe, Il Libro Mastro Combe: The Loggers Ledger Livello 7 Ricompensa: Pickthorne's Treasure Livello 7 Ricompensa: Combe, Guanti Imbottiti Combe: Combe, Oggetti Preziosi Combe: Blackwold Valuables Livello 8 Ricompensa: Combe, Il Fabbro Combe: Rurik Fennel Locksmith Livello 8 Ricompensa: Blackwold Thieves Livello 9 Ricompensa: Combe, La Tana dei Lupi Combe: Den Of Wolves Livello 6 Ricompensa: Combie, La Zia di Posco Combe: Posco's Uncle Livello 8 Ricompensa: Old Bauman's Farm Livello 8 Ricompensa: Friendships Renewed Livello 8 Ricompensa: Combe, Lo Zaino Combe: The Errant Coinpurse Livello 7 Ricompensa: Combe, Verso Staffle Combe: On To Staddle Livello 8 Ricompensa: Combe, Verso Bree Combe: Into Bree Livello 8 Ricompensa: Staddle, Il Cane Malato Staddle: Ailing Hound Livello 9 Ricompensa: Staddle, Acque Malate Staddle: Staddle, La Donna Saggia Staddle: The Wise Woman Livello 9 Ricompensa: Staddle, Fiori Freschi Staddle: Fresh Flowers Livello 9 Ricompensa: Leather Legging o Bracegirdle Staff.

Staddle, Cinghiali Pericolosi Staddle: Dangerous Boars Livello 8 Ricompensa: Staddle, La Palude Staddle: Staddle, Ragni a Midgewater Staddle: Staddle, Messaggio per Constable Staddle: Stolen Pipe-Weed Livello 10 Ricompensa: Staddle, Il Sorvegliante Staddle: The Vigil Livello 10 Ricompensa: Staddle, Gammy Boggs Staddle: Gammy Boggs Livello 8 Ricompensa: Staddle, Esplorare le Paludi Staddle: Scouting The Marshes Livello 10 Ricompensa: Staddle, La Minaccia del Fuoco Staddle: Staddle, Due Capitani Staddle: Two Chieftains Livello 11 Ricompensa: Report From Staddle Livello 11 Ricompensa: Staddle, Per un Amico Staddle: Staddle, Gli Occhi di Staddle Staddle: Eyes Of Staddle Livello 10 Ricompensa: Staddle, Il Segreto di Lily Staddle: Lily's Secret Livello 11 Ricompensa: Staddle, Il Giardino di Falco Staddle: Falco's Garden Livello 9 Ricompensa: Staddle, Curare la Pazzia di Falco Staddle: Fixing Falco's Folly Livello 11 Ricompensa: Widow's Farmhand Livello 8 Ricompensa: Staddle, Erba Pipa per la Vedova Staddle: Widow Froghorn Pipeweed Livello 8 Ricompensa: Staddle, Qualità e Carattere Staddle: Quality And Character Livello 9 Ricompensa: Farmer's Market Livello 9 Ricompensa: Wanetta The Wedge Livello 9 Ricompensa: Neeker-Friend Livello 9 Ricompensa: Bree, Tesoro di Famiglia Bree: Family Treasures Livello 9 Ricompensa: Bree, Ancora Erba Pipa Bree: Pipe-Weed Delivery Livello 9 Ricompensa: Bree, Negozio di Cure Bree: Healing Stores Livello 9 Ricompensa: Bree, Gli Uomini di Sharkey Bree: Sharkey's Men Livello 12 Ricompensa: Rangers And Rogues Livello 12 Ricompensa: Bree, Il Piano di Sharkey Bree: Sharkey's Plan Livello 14 Ricompensa: Orc-Slayer Livello 14 Ricompensa: Bree, La Valle di Andrath Bree: Missione di Gruppo - Parlate con Saeradan Bree, Rotta l0Alleanza Bree: Broken Alliance Livello 16 Ricompensa: Bree, Ritorno a Barrow-Downs Bree: Bree, Rovine di Cardolan Bree: Ruins Of Cardolan Livello 18 Ricompensa: Bree, Veglia Funebre Bree: Calming The Wake Livello 17 Ricompensa: Purging The Dead Livello 22 Ricompensa: Bree, Sentiero di Caccia Bree: Haunted Alley Livello 10 Ricompensa: Bree, Lost Shade Bree: Shield-Brother Livello 14 Ricompensa: Bree, Bone Man Bree: Bone Man Livello 18 Ricompensa: Bree, Il Nano Bree: Bree, La Spada Nera Bree: Bree, Forgiare una Nuova Spada Bree: Italien resistance song translated by Thomas Koppel.

Se, en dejlig blomst! Og denne rose Er partisanens O bella ciao, bella ciao, bella ciao ciao ciao Som faldt for frihed og for fred. Ho Belulin' Versione esperanto Kaj se mi mortos kiel partizano vi devos entombigi min. Kaj la popolo tien ironta certe diros: Jen estas floro de partizano mortis li por liberec'.

Bella Ciao Versione turca - il canto partigiano 15a. Bella Ciao Turkish version - Partisan song Traduttore: Bella Ciao Il canto delle mondine - Versione turca 15b. Bella Ciao Turkish version - Riceweeders song Traduttore: Çav Bella Versione turca - Grup Yorum 15c. Un paio di errori testuali sono stati testè corretti sulla base del forum di National Anthems. The Turkish version performed by Grup Yorum. A couple of misspellings have been corrected on the basis of the information given in National Anthems forum.

Bella Ciao Versione norvegese [neonorvegese o Nynorsk] 16b. E' stata leggermente adattata graficamente. The following "Nynorsk" Norwegian version is reproduced from Wikipedia and has been slightly adapted.

Oppi fjellet vil eg bli gravlagd, bella ciao, bella ciao, bella ciao, ciao, ciao oppi fjellet vil eg bli gravlagd, under skuggen av ein blom'.

Bella Ciao Versione dei lavoratori norvegesi 16c. The version of "Bella Ciao" as sung by Norwegian workers and adapted to the themes of work and exploitation. Also this version is reproduced from Wikipedia. I am delighted that your site published my translation of "Bella ciao" in Russian. Poxoronite v gorax vysoko Pod sen'ju krasnogo cvetka! Poem, in my opinion, entirely composed of rhetoric. Poesia secondo me esclusivamente retorica. Ja ne rassvete ujdu s otrjadom Garibal'dijskix partizan.

No za svobodu rodnogo kraja My budem drat'sja do konca! I za svobodu rodnogo kraja My budem drat'sja do konca! Ó guerrilheiro quero ir contigo oh bela ciao bela ciao bela ciao ciao ciao Ó guerrilheiro quero ir contigo que estou prestes a morrer. E se eu morrer na Resistência oh bela ciao bela ciao bela ciao ciao ciao E se eu morrer na Resistência tu me deves sepultar.

E é esta a flor do guerrilheiro oh bela ciao bela ciao bela ciao ciao ciao E é esta a flor do guerrilheiro que morreu pela liberdade! Minha querida Traduzione portoghese letterale 18a. Ó resistente, leva-me embora Porque sinto a morte a chegar.

E se eu morrer como resistente Minha querida, adeus, minha querida, adeus, minha querida, adeus! E se eu morrer como resistente Tu deves sepultar-me E sepultar-me na montanha Minha querida, adeus, minha querida, adeus, minha querida, adeus! E sepultar-me na montanha Sob a sombra de uma linda flor E as pessoas que passarem Minha querida, adeus, minha querida, adeus, minha querida, adeus! É esta a flor do homem da Resistência Que morreu pela liberdade.

Bella ciao versione portoghese anarchica 18b. Oh guerrilheiro, vou-me contigo, oh bella ciao Oh guerrilheiro, vou-me contigo porque eu sinto aqui morrer. E se eu morro com a guerrilha, oh bella ciao Todos aqueles que ali passarem, oh bella ciao Esta é a flor do guerrilheiro morto pela Liberdade.

Bela tchau Versione portoghese brasiliana da Saber Cultural 18c. Ida Aranha con una traduzione originale in portoghese brasiliano e Ida Aranha including an original translation into Brazilian Portuguese and Esta manha me levantei, bela tchau, bela tchau, bela tchau, tchau, tchau, esta manha me levantei e encontrei o invasor.

Se eu morrer como partigiano, bela tchau, bela tchau, bela tchau, tchau, tchau, se eu morrer como partigiano, tu me deves sepultar. Nella versione cinese la "bella" viene trasformata in un amico. In the following, both Pinyin pronunciation and literal meaning mostly the same as the English traslation above are provided phrase by phrase.

Della versione riproduciamo qui sia il testo in caratteri cinesi, sia quello in "pinyin" e una traduzione letterale in inglese. Zhang ha fornito anche la trascrizione pinyin della strofa e la traduzione in inglese, che sono state aggregate alla relativa pagina. Zhang also contributed the pinyin transcription and an English translation of this verse, that have been attached to the relevant page. La trascrizione Pinyin, inserita in un primo momento dalla versione fornita su Wikipedia, è stata rifatta con l'ausilio di Google Translator, che la effettua molto più esatta indicazione dei toni.

La traduzione letterale inglese della versione con l'aggiunta dell'ultima stofa, usualmente mancante è stata mantenuta. The Pinyin transcription, first included in the version given by Wikipedia, has been changed with the help of Google Translator tools, that are much more precise indication of Chinese tones. The English literal translation with addition of the usually missing last verse has been maintained. Bury me up in the high mountain Under the shade of a beautiful flower Ah whenever people pass by this spot Oh my friends Goodbye, Goodbye, Goodbye!

Whenever people pass by this spot They'll all say: This flower belongs to a partisan soldier, Ah,Good bye,my friends,bye,bye! This flower belongs to a partisan soldier, He sacrificed his life for Liberty. Bella Ciao versione romena Bella ciao Romanian version Si vedano i links video.

Il testo è stato desunto dai sottotitoli presenti nel video. Da notare che per il link video siamo stati costretti a ricorrere a un sito alternativo, dato che su YouTube è stato sottoposto a censura per intervento di qualche imbecille che lo ha ritenuto "inappropriate".

Isang umagang maaliwalag O bella ciao, bella ciao, bella ciao ciao ciao Isang umagang maaliwalag ating gaping mapang-api. Ating hanganin itloy ang laban O bella ciao, bella ciao, bella ciao ciao ciao Ating hanganin itloy ang laban ating gaping manu ang kare. Kung sa paglaban ako'y bumagsak O bella ciao, bella ciao, bella ciao ciao ciao Kung sa paglaban ako'y bumagsak lamputin ma ang kasu ko. Ako'y partisano buong buhay O bella ciao, bella ciao, bella ciao ciao ciao Ako'y partisano buong buhay ang partisano anggang bukay.

Ako'y komunista buong buhay O bella ciao, bella ciao, bella ciao ciao ciao Ako'y komunista buong buhay ang komunista anggang bukay. Bella ciao Versione catalana Bella ciao Catalan version La versione catalana da ca. Catalan version from ca. De bon matí, jo m'he llevat O bella ciao, bella ciao, bella ciao de bon matí, jo m'he llevat i m'he trobat l'invasor.

Oh partisà, porta'm amb tu O bella ciao, bella ciao, bella ciao oh partisà, porta'm amb tu perquè aquí m'hi floreixo. I si em moro fent de partisà O bella ciao, bella ciao, bella ciao i si em moro fent de partisà m'hauràs d'enterrar. Cal que m'enterris dalt la muntanya O bella ciao, bella ciao, bella ciao cal que m'enterris dalt la muntanya sota l'ombra d'un bonic arbre.

I la gent que passi O bella ciao, bella ciao, bella ciao i la gent que passi et dirà: Quin arbre més bonic. És la flor del partisà O bella ciao, bella ciao, bella ciao és la flor del partisà mort per la llibertat. I aquells que passin prop del meu arbre, oh, bella, ciao; bella, ciao; bella, ciao…, i aquells qui passin prop del meu arbre es recordaran de mi.

Bella ciao Versione polacca 24a. Bella ciao Polish version Sembra meglio questa la versione partigiana , non c'è il cognome del traduttore ma è cantabile. Pogrzeb mnie w górach, tam hen wysoko, o bella, ciao!

Mamma ciao Versione polacca di Anatol Stern 24b. D negli primi anni ottanta. La daterei intorno Bella Ciao Versione svedese Här kan man, om man önskar markera det italienska ursprunget, sjunga "Bella ciao" i stället för "Hej, min vän".

Du som tar väger upp över bergen, Hej min vän, hej min vän, hej min kära vän Du som tar vägen upp över bergen skall säga: För ängens blommor är partisanens, Hej min vän, hej min vän, hej min kära vän För ängens blommor är partisanens han som dog för friheten.

För angens blommor är partisanens han som dog för friheten. Bella ciao Versione bulgara traslitterata 27b. Bella ciao Romanized Bulgarian version. Rojeke xwes bû, sibekî zû bû Çaw bella çaw, bella çaw, bella çaw, çaw çaw çaw Rojeke xwes bû, sibekî zû bû Em li dijminê xwe rast hatin. Lo partîzano, werin min bibin Çaw bella çaw, bella çaw, bella çaw, çaw çaw çaw Lo partîzano, werin min bibin Ji ber ko mirina min nêzîke.

Hemû dibêjin ji bo vê gûlê Çaw bella çaw, bella çaw, bella çaw, çaw çaw çaw Ev gula partîzanî Ko bo azadiya me mirîye. Goiz batean jaiki nintzen Oh, agur eder hori, agur eder hori, agur eder hori, agur, agur! Goiz batean jaiki nintzen eta inbaditzailea topatu nuen Oh partisau, eraman nazazu zurekin Oh, agur eder hori, agur eder hori, agur eder hori, agur, agur!

Partisauaren lorea da Oh, agur eder hori, agur eder hori, agur eder hori, agur, agur! Bella ciao Versione croata Non è indicato l'eventuale nome dell'autore. Si tratta di una versione letterale forse dovuta al postatore stesso. Reproduced from the National Anthems website forum, posted by the user Avtandil. The author's name, if any, is not stated. It is a word-for-word translation maybe made by the poster himself.

Jednoga jutra u samo svitanje, o bella ciao, o bella ciao, bella ciao, bella ciao, ciao, ciao, jednoga jutra u samo svitanje sreli smo svoga neprijatelja. Pod sjenu malenog cvijeta, o bella ciao, o bella ciao, bella ciao, bella ciao, ciao, ciao, pod sjenu malenog cvijeta odnesite me onda na vrh brijega.

Adeus Guapa Versione galega [galiziana] Adeus Guapa Galician version La versione in lingua galega galiziana ripresa da gl. E se eu morro na guerrilla, adeus guapa, adeus guapa, adeus, adeus, adeus e se eu morro na guerrilla, hasme ter que sepultar.

However, this is no translation of the partisan song, but of the so-called Riceweeders' Bella Ciao. Avvicinandosi il 25 aprile italiano e portoghese , e anche nello sgradito ricordo del 21 aprile , ho pensato che una versione greca potesse essere un omaggio alle lotte partigiane e per la libertà di tutti i popoli, nella lingua che ha segnato l'inizio della nostra civiltà.

La versione greca di Mavroprovatos 32c. Greek version by Mavroprovatos. Salid mia bella Reto-romanic version "Rumantsch grischun" La versione ci è stata fatta pervenire da un lettore che ha voluto restare anonimo. This version was contributed by a reader who desires his name not to be disclosed.

Jau m'hai dasdà, dasdà in dimaun, salid mia bella, mia bella, salid, salid, Jau m'hai dasdà, dasdà in dimaun ed hai chattà l'inimi.

O partigian, ma porta davent, salid mia bella, mia bella, salid, salid, O partigian, ma porta davent perquai che ma sent murir. E sche jau mur sco partigian, salid mia bella, mia bella, salid, salid, E sche jau mur sco partigian Ti stos ma sutterrar. Ma sutterrar a la muntogna, salid mia bella, mia bella, salid, salid, Ma sutterrar a la muntogna a la sumbriva d'ina bella flur. Tutta la glieud che vegn a passar, salid mia bella, mia bella, salid, salid, Tutta la glieud che vegn a passar Vegn a ma dir, Tge bella flur!

Questa è la flur dal partigian, salid mia bella, mia bella, salid, salid, Questa è la flur dal partigian Ch'è mort per la libertad. Bella ciao Versione finlandese Bella ciao Finnish version. Aamulla varhain kivääriin tartuin Oi, bella ciao, bella ciao, bella ciao, ciao, ciao Aamulla varhain kivääriin tartuin, sen käänsin kohti sortajaa.

Aamulla varhain kivääriin tartuin, sen käänsin kohti sortajaa. Käy partisaani nyt rinnalleni Oi bella ciao, bella ciao, bella ciao, ciao, ciao Käy partisaani nyt rinnalleni ja kohtaloni aavistan. Käy partisaani nyt rinnalleni ja kohtaloni aavistan. Kun surmaluodin, saan taistelussa Oi bella ciao, bella ciao, bella ciao, ciao, ciao Kun surmaluodin, saan taistelussa, toverit minut haudatkaa. Kun surmaluodin, saan taistelussa, toverit minut haudatkaa.

Sen haudan ylle, kauniina jääköön Oi bella ciao, bella ciao, bella ciao, ciao, ciao Sen haudan ylle, kauniina jääköön vuoriston kukka kasvamaan. Sen haudan ylle, kauniina jääköön vuoriston kukka kasvamaan. Niin, että kansa voi vuoritiellä Oi bella ciao, bella ciao, bella ciao, ciao, ciao Niin, että kansa voi vuoritiellä sen nähdä hiljaa hehkuvan. Niin, että kansa voi vuoritiellä sen nähdä hiljaa hehkuvan. Se kaunis kukka, on partisaanin Oi bella ciao, bella ciao, bella ciao, ciao, ciao Se kaunis kukka, on partisaanin, vapauden vuoksi taistelleen.

Se kaunis kukka, on partisaanin, vapauden vuoksi taistelleen. Bella ciao Versione finlandese di Eino Puumalainen 34a. Bella ciao Finnish version by Eino Puumalainen Suomennos: Amica vale Versione latina Amica vale Latin version Scriba Latinus.

Bella ciao canticum Italicum "Bella ciao" in Latinum sermonem a Scriba conversum Hoc die mane sum experrectus - amica mea, vale, vale, amica mea - hoc die mane sum experrectus in patria haud libera Tecte bellator, tecum me aufer - amica mea, vale, vale, amica mea - tecte bellator, tecum me aufer mortem iam non reformido.

Si autem moriar bellandi causa - amica mea, vale, vale, amica mea - si autem moriar bellandi causa rogo me sepulturae des Rogo sepelias in summo monte - amica mea, vale, vale, amica mea - rogo sepelias in summo monte sub umbra floris cuiusdam Et viatores stupentes dicent - amica mea, vale, vale, amica mea - et viatores stupentes dicent: Probabilmente anche nel fucile. Segnalata da varie edizioni di Wikipedia, ecco la "Bella ciao" ucraina del cantautore o "bardo" ucraino Orest Ljutyj.

Come segnalato in questa pagina, sull'aria di "Bella ciao" veniva cantata in Ucraina una canzone nazionalista e fascista; Orest ha rimesso le cose un po' a posto. Il testo della canzone è accompagnato da una trascrizione in caratteri latini. As pointed out in this page, a nationalist-fascist Ukrainian song used to be sung in Ukraine to the tune of "Bella ciao". The song lyrics are followed by a transcription into Latin characters.

Hej, otamane, mene v zahin svij Ty zaraxuj, zaraxuj, zaraxuj-xuj-xuj! Ricordiamo che presso i serbi etnici l'uso dei due alfabeti è totalmente interscambiabile. Transcription has been made according to the official rules. We remind you that ethnic Serbs may use the two scripts interchangeably.

I ako umrem, kao partizan Ti iskopaj meni grob. Sahrani me gore, u planinama Ispod senke divnog cveta. I ovo je cvet partizana koji je umro za slobodu. This one or a very similar one we used to sing in the school in the old days. It's the short version in 4 strophes.

The translation is reasonably accurate and - what is equally important - this one is singable!!! Other Serbo-Croatian translation here have too long verses. I'd appreciate very much if you include this version in your database. A ako umrem, kao partizan, Ti iskopaj meni grob. I posadi jedan cvet. Aru asa ni mezamete, Ga wa shinryaku-sha o minu. Ga o yama ni ume tamae, Utsukushiki hana no shita ni. Michi yuku hito-ra mo Kono Hana no utsukushi-sa o tsugen.

La traduzione è opera del Coro Onkan. Il coro Onkan è una società studentesca i cui membri sono in massima parte studenti dell'Università di Tokyo. Translation by the Onkan Choir. Onkan Choir is a student society whose member are mostly students of Tokyo University. Aru asa mezamete Saraba saraba koibito yo Mezamete ware wa minu Semeiru teki wo 2. Ikusa ni hatenaba Saraba saraba koibito yo Ikusa ni hatenaba Yama ni umeteya 4. Umeteya ka no yama ni Saraba saraba koibito yo Umeteya ka no yama ni Hanasaku moto ni 5.

One day morning,I awakened, Farewell,farewell,my love, I awakened,then I found the invading enemy. Take me away with you, Farewell,farewell,my love, Take me away with you,partizan, I am almost dead. If my life end in battle, Farewell,farewell,my love, If my life end in battle, Bury me on a hill. Bury me on that hill, Farewell,farewell,my love, Bury me on that hill, Under the blossoming flower. When people pass there, Farewell,farewell,my love, When people pass there, They will appreciate that flower.

E picchia picchia la porticella. La "Bella Ciao" in occitano di Patric Quatre companhas, mila companhas, o bella ciao Cantavan la tèuna canson. L'aura es valenta, l'auba es naissenta, o bella ciao E lo camin mena a la mar. E tu que dobtas, ven amb nautras, o bella ciao L'aire sentís la libertat. Bella ciao Versione in lombardo Bella ciao Lombard version Ripresa da lmo. La versione presenta alcune alternative di traduzione. The version shows a number of translating alternatives.

Ona matinna me son dessedaa, o bella, ciao! Ona matinna me son dessedaa e ho trovaa l'invasor. E se mi mori da partigian, o bella, ciao! E [Tutt] i gent che passarann o bella, ciao! La versione di Borghese , da L'educazione delle rockstar da bielle.

Questa mattina mi sono svegliato e in grassetto su tutti i giornali dicevano che qui in Italia governerà ancora un nano o un ex PCI del resto mi sembra coerente votare 2 facce diverse di quella medaglia per far ripartire questo vecchio culo d'Italia come fosse un juke-box la differenza tra una stronza di destra e una di sinistra la prima che dopo l'amore ti fa la pagella con tutte le amiche la differenza tra una stronza di destra e una di sinistra la seconda ti apre i suoi appunti di viaggio e ti fa una recensione Questa mattina mi sono svegliato mia bella ciao, bella ciao ciao Italia, ciao Italia, ciao io vado via Questa mattina mi sono svegliato mia bella ciao, bella ciao ciao Italia, ciao Italia, ciao io vado via passato un secolo appena dalla dittatura di uno a questa strana forma democratica di dittatura La loro versione si conclude con una citazione di "Sabato pomeriggio" di Claudio Baglioni.

Scaricabile dal sito dell'autore Anche la versione di Tonio Scatigna è scaricabile dal sito ufficiale. Obtenir le lien Voir dans la timeline La "Bella Ciao" del bancario Poiché anche i bancari cantano "Bella Ciao", abbiamo pensato di commissionare al nostro rattaccio di fogn fidatissimo Riccardo Scocciante una versione ideata apposta per loro.

T'hai fatto bene a sparà al bancà. È Bella Ciao, la canzone per eccellenza della Resistenza, il canto partigiano più popolare tra tutti quelli che hanno accompagnato le stagioni di lotta della Seconda Guerra Mondiale e dell'immediato dopoguerra, senza contare l'uso che se ne fece durante le dimostrazioni dell'autunno caldo italiano. Ma quali sono le sue origini, quando è possibile datare il motivo di questo celebre "canto resistente"?

Pare che i versi iniziali dell strofa siano da attribuire alla ballata Fior di tomba, mentre l'inciso "o bella ciao", da una rima di una canzone per bambini La me nona l'è vecchierella.

Nel dopoguerra il motivo diventa una sorta di bandiera del mondo della sinistra militante negli anni della guerra fredda. A cavallo tra i Cinquanta e i Sessanta è un classico del repertorio del Cantacronache di Michele Straniero, Sergio Liberovici e Fausto Amodei, laboratorio etnomusicologico a cui si deve, tra l'altro, il recupero e il consolidamento della canzone di protesta. Milva la rilesse nel '65 per un singolo, in un periodo in cui il brano conobbe popolarità nell'esecuzione del Nuovo Canzoniere Italiano al Festival di Spoleto.

Nel mondo del rock la Banda Bassotti dal vivo spesso esegue Bella Ciao, mentre i Modena City Ramblers, la band militante per eccellenza del panorama folk rock italiano ne hanno regalata una versione alla compilation del Consorzio Produttori Indipendenti, Materiale Resistente. Anche i Gang sovente la inseriscono in scaletta nei loro spettacoli live. Buon 25 aprile in ritardo a tutti!

Obtenir le lien Voir dans la timeline Email di Gin per conoscenza: La musica è invece quella di un antico canto popolare di mondine. Poi, dopo la Liberazione fu eseguita in qualche celebrazione del Esta mañana me he levantado. Obtenir le lien Voir dans la timeline Incredibile pagina che vengo di scoprire!!!

La canzone poi e le parole Ogni volta che la sento vedo i miei eroi partigiani!!! Non dimenticare obbliga a comprendere, a smascherare, a continuare quella lotta. Per combattere questo nuovo fascismo non ci saranno i vostri nonni, o i padri dei vostri nonni. Obtenir le lien Voir dans la timeline Caro Riccardo Mi sembra che nella versione delle Mondine manchi questa strofa doppo quella di: Je vais l'ajouter tout de suite Un prodotto politico invece di un altro, la globale libertà di scelta di noi popolo delle libertà.

Se questo è quello che resta della libertà per cui è morto e vissuto quel partigiano, è normale che il funerale glielo canti la Coca Cola in Messico.

Vedo un cd con il titolo: Lo compro, pagando appunto due euro. Dopo qualche settimana lo ascolto, mentre vado a lavorare in macchina. Insomma, la musica era proprio quella di Bella ciao, la canzone dei partigiani.

Mi fermo, leggo il titolo e l'esecutore del pezzo. E allora ho cominciato il mio viaggio nel mondo yiddish e nella musica klezmer. Volevo sapere come una musica popolare ebraica nata nell'Europa dell'Est e poi emigrata negli Stati Uniti agli inizi del ' fosse diventata la base dell'inno partigiano".

E' stata scritta tante volte, la "vera storia di Bella ciao". Forse l'ha portato un emigrante italiano tornato dagli Stati Uniti. Con quel cd in mano, copia dell'incisione del , mi sono dato da fare e ho trovato un aiuto prezioso da parte di tanti docenti inglesi e americani.

Martin Schwartz dell'università della California a Berkeley mi ha spiegato che la melodia di Koilen ha un distinto suono russo ed è forse originata da una canzone folk yiddish. Rod Hamilton, della The British Library di Londra sostiene che Mishka Ziganoff era un ebreo originario dell'est Europa, probabilmente russo e la canzone Koilen è una versione della canzone yiddish "Dus Zekele Koilen", una piccola borsa di carbone, di cui esistono almeno due registrazioni, una del di Abraham Moskowitz e una del di Morris Goldstein.

Dice anche che è un pezzo basato su una canzone yiddish il cui titolo completo è "the little bag of coal", la piccola borsa di carbone". Più di un anno di lavoro. Provo a suonare la melodia E' proprio la Koilen di Mishka Tsiganoff. Ma resta un dubbio. La risposta arriva da Ernie Gruner, un australiano capobanda Klezmer: Del resto, la storia di Bella ciao è sempre stata travagliata.

La canzone diventa inno "ufficiale" della Resistenza solo vent'anni dopo la fine della guerra. La canzone più amata dai partigiani era "Fischia il vento". Ma era troppo "comunista". Innanzitutto era innestata sull'aria di una canzonetta sovietica del , dedicata alla bella Katiuscia. E le parole non si prestavano ad equivoci. Era politicamente corretta e con il suo riferimento all'"invasor" andava bene non solo al Psi, ma anche alla Dc e persino alle Forze armate.

Questa "vittoria" di Bella ciao è stata studiata bene da Cesare Bermani, autore di uno scritto pionieristico sul canto sociale in Italia, che ha parlato di "invenzione di una tradizione". E poi, a consacrare il tutto, è arrivata Giovanna Daffini". La "voce delle mondine", a Gualtieri di Reggio Emilia nel davanti al microfono di Gianni Bosio e Roberto Leydi aveva cantato una versione di Bella Ciao nella quale non si parlava di invasori e di partigiani, ma di una giornata di lavoro delle mondine.

Aveva detto che l'aveva imparata nelle risaie di Vercelli e Novara, dove era mondariso prima della seconda guerra mondiale. La consacrazione avviene nel , quando il Nuovo Canzoniere Italiano presenta a Spoleto uno spettacolo dal titolo "Bella ciao", in cui la canzone delle mondine apre il recital e quella dei partigiani lo chiude". I guai arrivano subito dopo. I ricercatori tornano al lavoro e dicono che comunque tracce di Bella ciao si trovano anche prima della seconda guerra.

Forse la musica era presente in qualche canzone delle mondine, ma non c'erano certo le parole cantate dalla Daffini, scritte quando i tedeschi invasor erano stati cacciati da un bel pezzo dall'Italia". Fino a quando ci sarà ricordo dei "ribelli per amore", si alzeranno le note di Bella Ciao, diventato inno quando già da anni i partigiani avevano consegnato le armi.

Forse le cantavano - dice William Michelini, gappista, presidente dell'Anpi di Bologna - quelli che erano in alta montagna. Noi gappisti di città e partigiani di pianura, gomito a gomito con fascisti e nazisti, non potevamo certo metterci a cantare".

Obtenir le lien Voir dans la timeline Mentre si ritrovano presunte antenate yiddish di "Bella Ciao", in questi modernissimi tempi dell'anno I E. Era Berlusconi giungono notizie inquietanti in vista del 25 aprile.

La sindachessa milanese Letizia Moratti, che pure ci dovrebbe avere il "padre partigiano" in carrozzella da lei spinta personalmente lo scorso anno non andrà invece alla manifestazione cittadina, e in fondo nessuno se ne rammaricherà più di tanto. Intrecciando tutto questo con le dichiarazioni pre-elettorali di Dell'Utri, c'è veramente di che stare allegri; o, forse, più semplicemente, c'è da scendere in piazza, possibilmente numerosi.

Possibilmente ricominciando a riprendercele, 'ste benedette piazze sempre più in preda alle "sicurezze" di lorsignori, dei bravi cittadini, dei rondaioli più o meno in camicia brun Magari, chissà, passati i primi stracciamenti di vesti dei neo "extraparlamentari", s'avessero a accorgere che non è nei parlamenti che la sinistra deve fare politica, ma proprio nelle piazze, tra la gente, tra la gente che ha sentito la sinistra "parlamentare" sempre più slegata, lontana, assente.

Non dimentichiamoci che il 25 aprile è una festa , e che non ce ne priveranno. Una festa dove di gente abituata da sempre ad essere "extraparlamentare" ce ne sarà a bizzeffe: E se gli altri amministratori o semplici collaboratori e amici di questo sito volessero ricordare analoghe feste che si svolgono nelle loro città o nelle loro zone, saranno ovviamente ringraziati per questo piccolo ma significativo atto di resistenza quotidiana. E al sindacone fascistone di Alghero? Obtenir le lien Voir dans la timeline [ Nella suddetta pagina di "Bella Ciao" la cui trattazione pare particolarmente curata c'è un'immagine d'incipit.

Si vedono due partigiani che sparano per le strade di Torino nei giorni della liberazione. E c'è pure la didascalia. Quella foto appartiene a un corpus di immagini realizzate dalla resistenza a liberazione avvenuta.

I partigiani recitano la parte di partigiani e a volte la parte dei morti. Il vero e il falso ci battono ancora nelle tempie. La macchina fotografica, per la sua natura delatrice, non era molto amica dei partigiani e ve lo immaginerete anche solo pensando ai set spogli da cui lanciava proclami il saudita incazzuso o i passamontagna zapatisti o certa avversione dei centri sociali per il cronachista di turno, ovviamente commisurando il tutto alle diverse realtà. Si vuol apparire senza apparire è forse una strategia della comunicazione ma non è il punto ora e rischiamo di andare troppo oltre e di finire in un simpatico ginepraio semiologico.

Si badi bene, non c'erano solo quelle, ci sono immagini di battaglia vere ma a noi interessano proprio quelle. Il muro a cui sono addossati i due partigiani è coperto di scritte che fanno riferimento alle SS, probabilmente posticce sono un riferimento didascalico importante perchè collocano quell'immagine nelle sue coordinate di spazio e di tempo.

Con buona pace di chi si chiede cosa sia vero e cosa no. Di vero c'è la guerra e i morti. Il resto deve gestire il criterio narrativo. Per il bene della memoria. Per il male della memoria. Infatti c'è un'immagine che raffigura un carro armato che attraversa le vie di Torino guidato dai partigiani. Quel carro non avrebbe mai sparato un colpo, era un prodotto artigianale realizzato dagli operai della Fiat sulla base di un camion.

Mi rimanda alla memoria i mezzi blindati allestiti dalla compagine anarchica nella guerra di spagna. I blindati erano trattori coperti di lamiere che servivano a rassicurare la popolazione più che a fermare i franchisti.

Eppure son finiti bruciati e han combattuto finchè potevano. Mi commuovo quasi a pensarci e allora dovrei oggettivamente commuovermi anche pensando al blindato posticcio ricavato da un mezzo agricolo con cui un manipolo di leghisti cercarono di espugnare piazza San Marco.

Ma la memoria è un fatto personale prima che collettivo e se come tipologia di fatti storici i blindati posticci sono analoghi, dal punto di vista emotivo non mi fanno lo stesso effetto. E' un diritto che possiamo rivendicare se guardiamo alla storia.

Giorgio Olmoti , dalla mailing list "Fabrizio". Obtenir le lien Voir dans la timeline La seguente e precisa confutazione del presunto "scoop" di Jenner Meletti su "Repubblica" riguardo alle origini di "Bella Ciao" è stata redatta da Carlo Loiodice e pubblicata il 6 maggio su Carmilla Online.

E' stata opportunamente segnalata da Franco Senia sulla mailing list "Fabrizio". Bella questa di "Bella Ciao"! Prova, in entrambi i casi, che la filologia non è roba per il primo dilettante che passa.

Il che dovrebbe indurre i giornalisti della carta stampata a differenti e nuove modalità di comportamento. A quella notizia io ho creduto. Il che ne mantiene la gloria, assegnando un credito al citante. Molti ricordano un caso di oltre una quindicina di anni fa. Possibile che il globale Collins avesse freddamente deciso di depredare il locale Graziani?

Allora è stato Graziani a copiare! Ma in caso affermativo, da chi? Ed è appunto la sonatina op. Senza che per questo vada a Clementi alcun merito di originalità: Ma penso anche a prestiti interni alla stessa musica popolare: Normalmente, tra composizione originale e parodia, la distinzione è netta: Affermo questo nella consapevolezza di dire quasi una scempiaggine.

Anzi, il livello di allusività è altissimo. Ecco un esempio dalla tradizione letteraria. Amor, ch'al cor gentil ratto s'apprende, prese costui de la bella persona che mi fu tolta; e 'l modo ancor m'offende.

Inferno, canto V Ugo Foscolo: Ultime lettere di Jacopo Ortis. Non parodia ma allusione, rimando semantico, relazioni tra significanti. Come in questo caso più recente e meno impegnativo. Una mattina mi son svegliata [alzata]. Siamo ancora nella biblioteca di Babele. Storici e filologi si occuperanno poi di vedere se certe suggestioni richiamate dalle coincidenze hanno una base materiale verificabile.

E tutto questo finché le coincidenze sono macroscopiche o almeno intriganti. Ma… Una mattina mi son svegliato e ho… acceso la radio. La notizia non è nuova. E per quanto i montatori del servizio abbiano fatto di tutto per disturbare la percezione della musica, mi sono impuntato e, a scopo di verifica, ho cercato di riascoltare la trasmissione sul web.

Si trova da qui. E qual non fu il mio stupore nel verificare… Forse ci siamo capiti… Chi non ama o non conosce il blues dice che tutti i blues si somigliano. Ed è quello che è capitato al nostro ingegnere viaggiatore, che ha scambiato un cocomero per un melone, mettendosi poi in giro a scomodare testimoni ed esperti; i quali, per non rischiare la brutta figura o subito o più tardi, hanno risposto con mani avanti e piaggeria.

Il giornalista ha fatto il resto. Provo a spiegarmi a un tanto al chilo. Quel che segue, ancorché ascoltato confusamente, non mi pare nemmeno degno di esser preso in esame. Eppure tutti gridano al prodigio e si fanno in quattro per cercare ragioni e motivi per provare qualcosa che non è avvenuto. Certo i migranti migrano e portano con sé anche le loro musiche. Ed è interessante ricostruire certi percorsi.

Obtenir le lien Voir dans la timeline Credo che Carlo Loiodice, prima di scrivere avrebbe fatto meglio ad ascoltare la koilen di cui si parla. E' sempre una buona regola farlo. Se lo avesse fatto si sarebbe risparmiato una brutta figura. Obtenir le lien Voir dans la timeline Ricambiando la cordialità al sig.

Fausto Giovannardi, ed avendo ascoltato il video di "Koylen", mi sentirei di dire che l'identità tra la melodia in questione e quella di "Bella Ciao" si limita alle cinque o sei note iniziali; per il resto mi sembra una cosa totalmente diversa. Ovviamente non sono un musicologo e nemmeno un musicista , e le mie impressioni si basano esclusivamente sull'ascolto; ma sinceramente non mi sentirei di proporre una "derivazione" della melodia di "Bella Ciao" da quella klezmer.

In linea di massima, la confutazione di Loiodice mi sembra precisa e non parlerei quindi di "brutte figure" ma di opinioni diverse in materia, diverse e fortunatamente argomentate. In attesa di analisi musicologiche più precise, in questa pagina non ci resta che prendere atto sia delle conclusioni del sig. Con tutto il rinnovo dei miei più cordiali saluti, e con tutto il rispetto, Riccardo Venturi. Obtenir le lien Voir dans la timeline Bello questo sito Per quanto mi riguarda continuo a dare la mia piena solidarietà a quelle donne, oggi anziane, che all'epoca dei Vostri eroici conigli, molti saltati sul carro del vincitore senza aver mai preso in mano un fucile, ma che in compenso erano bravi ad andare a saccheggiare famiglie indifese e violentare le sorelle o le madri di quei poveri ragazzi costretti a imbracciare le armi per difendere quei farabutti criminali che erano in Italia e che in branco si dichiaravano vincitori!

Genericamente, e ripeto genericamente, mi sembra di aver compreso forse che tu ce l'abbia con qualcosa a metà tra il famoso "triangolo rosso dell'Emilia" visto anche da dove scrivi Insomma, il discorso è sempre lo stesso. E allora, carissima Miriam, certo che rimaniamo rinchiusi qui dentro; ci rimaniamo rinchiusi per cercare di difendere la memoria e per combattere ogni sorta di revisionismo storico. Potrai casomai avvalerti delle dichiarazioni del buon Dell'Utri, che vuole rifare i libri di scuola; vedrai che saprà soddisfarti, e che le sorelle e mamme dei poveri ragazzi avranno tutta l'importanza che meritano invece di quei maledetti partigiani komunisti che venivano soltanto messi al muro e impiccati senza processo al pari di tanti ragazzi che a servire i "farabutti criminali" non vollero andarci.

Puoi chiamarla benissimo "demenzialità", questa, se ti pare; noi il tuo lo chiamiamo fascismo appena un po' imbellettato. Obtenir le lien Voir dans la timeline Questo è un estratto dal Congresso Internazionale della Gioventù esperantista Internacia Junulara Kongreso tenutosi nell'agosto in Ungheria. Obtenir le lien Voir dans la timeline Tra le curiosità da segnalare è che "Bella Ciao" è l'inno ufficiale dei tifosi di una squadra di calcio europea: Ammetto che la maggioranza dei lettori lo possa leggere con più facilità che non quella ungherese Congratulazioni, un abbraccio, e keep up the good work.

Obtenir le lien Voir dans la timeline Caro Riccardo: Ma che sorpresa che scrivi in ungherese, ed anzi tanto perfettamente! Una possibilità ovvia che cerco di realizzare subito è di revisare tutto il tuo sito e di aggiungere delle informazioni dove ne vedo la possibilità. Se trovo canzoni o altre cose alle quali ho da aggiungere tanto che è già sufficiente per un piccolo essay, simile a quello che ho compilato sul Bella ciao, lo faccio volentieri.

Ma se sei tu che hai qualche idea, dimmelo e potrai contare a me. Mikor 16 éves voltam, voltam mint minden 16 éves: Io c'ero già, il 25 Aprile, ma ero piccolino, solo tre anni e mezzo. Ma ho visto Moscatelli. Quando si tratta di attaccare noi di Moscatelli siamo i primi Se nascevo prima, magari stavo con lui, a liberar l'Italia. Magari no, è un attimo farsela sotto. Négher Todésch de la Wermàcht mi fai paura dumà a pensàgh. Resterà sempre il dubbio, per uno come me.

Ma per uno come Lui, dubbi non ce n'è. Che avrebbe fatto Berlusconi se fosse nato prima? La borsa nera, amici, la borsa nera! Forse si mangia le palle per l'occasione perduta. Obtenir le lien Voir dans la timeline Su un vecchio disco di Giovanna Daffini contenente anche Badoglieide, Quei briganti neri e Fischia il vento una nota metteva in qualche modo in dubbio la rilevanza storica di Bella Ciao, che è diventata uno degli inni della resistenza DOPO la liberazione, ma che durante la guerra partigiana appartenesse solo ad un ridotto gruppo di partigiani.

Insieme a Fischia il vento , è la canzone più famosa della Resistenza italiana. Anzi, nel mondo, è questo il canto italiano di argomento partigiano più popolare, conosciuto sia nella nostra lingua che in traduzioni. Nessuna delle melodie pubblicate e non sono molte purtroppo, data la cattiva consuetudine della maggior parte dei nostri vecchi raccoglitori di dedicarsi ai testi, trascurando la musica , coincide con quella della canzone della Resistenza.

Questo canto è già pubblicato, nella registrazione originale di Giovanna Daffini Carpi, di Gualtieri, Reggio Emilia nel disco DS4 Canti del lavoro 1 di questa stessa serie. Alle note che accompagnano quel disco rimandiamo per altre informazioni. Ad ogni modo, vorrei anche precisare una cosa che mi sembra fondamentale e che non è mai stata, credo, nominata in questo sito. È stata presa come simbolo perché, francamente, adattabile a tutta la lotta partigiana senza distinzioni di schieramenti e ideologie, anche se la famosa "ultima strofa" è stata poi plasmata a piacere.

Ma il vero canto partigiano, quello cantato sul serio sulle montagne, a detta dei partigiani superstiti non era "Bella Ciao": Sugo, partigiano della divisione "Arno" della brigata partigiana "Sinigaglia", 83 anni, frequentatore del CPA Firenze Sud e che conserva ancora orgogliosamente la bandiera della sua divisione, afferma che nessuno in essa cantava mai "Bella Ciao". Tutti cantavano "Fischia il vento" e altri canti. Fischia il vento, infuria la bufera, scarpe rotte eppur bisogna andar, a conquistare la rossa primavera dove sorge il sol dell'avvenir.

Ogni contrada è patria del ribelle ogni donna a lui dona un sospir, nella notte lo guidano le stelle forte il cuore e il braccio nel colpir. Se ci coglie la crudele morte dura vendetta verrà dal partigian; ormai sicura è gia la dura sorte contro il vile che noi ricerchiam.

Cessa il vento, calma è la bufera, torna a casa fiero il partigian Sventolando la rossa sua bandiera; vittoriosi e alfin liberi siam. Dopo la Liberazione queste strofe furono cantate dai partigiani emiliani in occasione dei vari festival mondiali della gioventù che si tenevano ogni due anni in varie capitali europee La canzone ebbe ovunque un gran successo grazie soprattutto al famoso ritmico battimani e fu tradotta in tutte le lingue europee: A proposito di festival mondiali della gioventù: Obtenir le lien Voir dans la timeline Da Sanremo [!!!

Obtenir le lien Voir dans la timeline La cancion que indicais de bella Ciao en Español.. Il sindaco di Mogliano Veneto, evidentemente, fa volutamente, confusione storica e politica, dal momento che i fatti che ispirarono la 'Canzone del Piave' risalgono al , allorche' l'Austria-Ungheria decise di muovere un grosso attacco all'esercito italiano, nell'intento di piegarlo definitivamente, dopo la sconfitta di Caporett; mentre 'Bella Ciao' e' il canto popolare italiano che piu' ricorda la Resistenza, la lotta al nazi-fascismo e, quindi, il 25 aprile del , giorno in cui i partigiani liberarono il Nord-Italia dall'occupazione".

E' quanto afferma Alessandro Pignatiello, coordinatore della segreteria nazionale della Federazione della Sinistra. Andrebbe cantata e suonata da tutti, a prescindere dalle colorazioni politiche delle giunte Obtenir le lien Voir dans la timeline Oggetto: Obtenir le lien Voir dans la timeline E pensare che in Francia -mi risulta - le "Chant des Partisans" di Anne Marly è per legge un "bene nazionale" Obtenir le lien Voir dans la timeline E pensare che Berlusca dice che insegnanti come i magistrati e libri di testo di storia sono sinistrorsi Obtenir le lien Voir dans la timeline Commissione di inchiesta sui p.

Non se la prenda, Capezzone, tutti nella vita ci siamo presi qualche cazzotto Obtenir le lien Voir dans la timeline -- capEzzone??? È proprio il caso di dire, tuttavia, che Mazzi non si smentisce mai: Non ci credo, non è possibile! Sono due cose incommensurabilmente diverse. Obtenir le lien Voir dans la timeline Un bel video con sottotitoli in inglese e persiano: Antonini Va pensiero, La Russa e perfino le Frecce tricolori sul cielo dell'ultima Liguria per celebrare, col festival della canzone italiana, anche l'Unità della nazione.

Tutto fuorché Bella ciao. Bermani, 74 anni, è fra i più importanti studiosi delle tradizioni popolari. Per chi come lui ha girato l'Italia col magnetofono acceso per registrare canti e storie di vita, tornare nella "città dei fiori"è una sorta di salto all'indietro. Su quell'onda ci siamo domandati come mai in Italia non esistesse un corpus di canto sociale.

Dalla mole di quei materiali vennero fuori anche i "mitici" Dischi del Sole, l'esperienza del Nuovo Canzoniere Italiano e uno spettacolo per il festival di Spoleto dal titolo proprio Bella ciao. O'surdato 'nnamurato riproposto all'Ariston da Roberto Vecchioni, ndr si poteva cantare anche davanti a un graduato. Non era certo Oh Gorizia tu sia maledetta E l'altra canzone, Mamma: Sono centinaia e ci dicono di più di quanto dica il testo canonico La bella gigogin, ma per favore!

Mi sembra di essere tornato a prima di cominciare la ricerca. Che poi - sembra un paradosso quella selezione "revisionista" è stato anche il destino di Bella ciao, prima della sua fortuna, oggi della sua elisione. Fu scelta per via di un testo che non aveva alcuna allusione rivoluzionaria.

Come sai non è quella la canzone della Resistenza, semmai è Fischia il vento. Basta leggere Fenoglio per trovare l'invidia dei badogliani per quel canto.

Bella ciao era canticchiata in alcune zone d'Italia, nasce in Emilia e poi s'è diffusa con alcune varianti per esempio quando è venuta su con l'Esercito di Liberazione dal sud. Al nord è stata ascoltata solo nei giorni subito prima della Liberazione. Quello che sta avvenendo a Sanremo è un normale episodio della lotta di classe in questo Paese, voglio dire, con Woody Guthrie, che la canzone popolare è forte quando è forte il movimento operaio.

Infatti, quando lo è stato ha prodotto cultura e conoscenza approfondita. Cito il lavorio sulle canzoni di guerra. Oggi sappiamo benissimo cosa cantavano i soldati al fronte durante la Grande Guerra. O' surdato 'nnamurato è una bella canzone, ma ne esiste una parodia con un testo contro gli imboscati. Quando siamo partiti con la nostra ricerca c'era chi pensava che queste canzoni non esistessero perché erano invisibili ai mass media e all'università.

C'è stato un gran lavoro compiuto da organizzazioni che si collocavano all'interno del movimento dei lavoratori. Ma quando s'è affermata Bella ciao nell'immaginario popolare?

Fu verso la metà degli anni ' Un canto è importante se viene cantato durante gli scioperi. Il bello di Bella ciao sono le varianti nei canti di fabbrica. E' penetrata davvero e noi del Nuovo canzoniere abbiamo avuto una parte di "colpa" per via del clamore suscitato dal nostro spettacolo - "Bella ciao", appunto - che portammo al Festival dei Due Mondi di Spoleto.

Già avevamo dovuto far modificare alcune cose. Quel testo lo avevo inserito io nel copione, ma era una versione senza quella strofa. Dunque non vi fu malizia? C'era un brano, E per la strada gridava i scioperanti del , con una strofa che diceva: Qualcuno le rispose "posseduta! Giorgio Bocca, da un palchetto l'apostrofo dicendole carampana, lei rispose: E Giovanna Marini è stata immortalata con la chitarra pronta a colpire un assalitore.

In questo campo sono sorte delle vere istituzioni di movimento, penso all'Istituto de Martino per la conoscenza critica e la presenza alternativa del mondo popolare e proletario", come spiega la ragione sociale. Esatto, e sono nate dal basso, senza aiuti particolari, c'è stata sordità anche da parte dei partiti di allora. Pci e Psi ci hanno utilizzato molto nei festival, ma ci guardavano come fumo negli occhi, non piacevamo E perché?

Erano anche loro vittime della cultura borghese. Oggi lo chiameremmo mainstream. Ma, nella mutazione radicale delle forme di fruizione e nella liquidità del corpo sociale, c'è ancora spazio per il canto sociale?

Sono nato che già si sentiva dire che il canto popolare era morto. Ho scoperto più tardi che erano già tre secoli che si diceva. Come tutte le cose, anche il canto sociale ha momenti di scarsa vitalità e riapparizioni improvvise. Avresti detto che nel Maghreb sarebbe successo tutto quello che sta accadendo? Io ho sempre pensato che avrei rivisto la faccia di Nasser portata in piazza. Oggi la ricerca è lasciata alla buona volontà dei singoli, mancano imprese collettive, e non è che altri settori della lotta politica stiano meglio.

Ma non siamo soli, continuano a esserci una serie di gruppi che utilizzano e studiano il canto sociale. C'è tutto il grande discorso sulle fonti orali, sull'importanza di raccogliere testimonianze dal vivo. C'è l'appuntamento a Piadena, altro miracolo di questi tempi che da anni si riuniscano più di mille compagni per cantare, fare festa e ascoltare seminari politici.

Nel libro ho deciso di inserire una serie di versioni mai viste e, nei dischi s'è deciso di non dare i più noti. Non ci sono Bella ciao e nemmeno Addio Lugano bella che fu scritta sul tema di un brano dal titolo Addio Sanremo bella.

Tutto questo per privilegiare canti meno noti come quelli contro la guerra di Libia. La musica che ha fatto l'Italia non è quella di Sanremo.

Et peut-être, somme toute, dit-il la vérité et se rend-t-il compte enfin? Ainsi Parlait Lucien Lane. Obtenir le lien Voir dans la timeline Bellissimo video, commovente, grazie per averlo postato. Vorrei aggiungere un brano di José Martí: Esos son los que se rebelan con fuerza terrible contra los que les roban a los pueblos su libertad, que es robarles a los hombres su decoro. En esos hombres van miles de hombres, va un pueblo entero, va la dignidad humana. Sono quelli che si ribellano con forza terribile contro coloro che rubano ai popoli la loro libertà, che vuol dire rubare agli uomini il loro decoro.

Ha suonato con numerosi gruppi dell'Emilia-Romagna, e ha fatto tournèe musicali in mezzo mondo per divulgare gli ideali progressisti con la sua musica popolare-politica. Obtenir le lien Voir dans la timeline "Bella ciao" cantata in italiano da Maria Farandouri.

Obtenir le lien Voir dans la timeline D'accordo sul forte aggettivo "nazi-sionista" per definire l'ennesima aggressione israeliana a Gaza. Mi permetto tuttavia di definire almeno come "miope" l'uso da parte di Hamas dei missili di fabbricazione iraniana: Pensa forse Hamas di poter utilizzare i bambini di Gaza come carne da cannone nel conflitto ancora strisciante ma conclamato tra i nazi-sionisti israeliani ed i nazi-islamici iraniani?

A me fanno schifo entrambi, nessuna differenza: Obtenir le lien Voir dans la timeline Non so che dirti; so soltanto che la politica dello stato sionista, per me, è oramai pienamente assimilabile a quella della Germania hitleriana. Quanto a Hamas, glieli vuoi portare tu i missili di fabbricazione vercellese? Scusami ma non mi sento propenso, oggi come oggi, all'equidistanza. Il regime teocratico iraniano non mi sta simpatico, no di certo; ma la situazione a Gaza è sotto gli occhi di tutti.

E nello schifo credo che sia necessaria una gradazione, altrimenti si cade nel solito giochetto di fabbricarci da soli chi ci sta simpatico o meno, a nostro uso e consumo. A quanto mi risulta, non è Gaza che assedia Israele senza alcuna possibilità di uscita; è il contrario. La politica di Israele è di sterminio, e non bastano gli pseudo-intellettuali "progressisti" alla David Grossmann da sputi, a mio parere a celarlo; o vuoi fare come la "pacifista" Noa, quella che durante la precedente guerra si profondeva in tanta "fraternità" coi palestinesi per poi incitare Israele e "fare il lavoro" di eliminare Hamas?

Ti ricordi com'è andata a finire? Le bombe a grappolo te le ricordi? E Hamas è stata "eliminata"? Per questo certi aggettivi molto "forti" vanno usati senza remore in quanto corrispondenti alla realtà.

About the author

porno nain escort girl nord administrator

so far

porno nain escort girl nordPosted on10:12 pm - Oct 2, 2012

-